ACCESSO AGLI ATTI PER TUTELARE INTERESSI SOGGETTIVI



(continua a leggere)


Per il presidente dell'unione di comuni niente stato civile e anagrafe



































































































N N. 2283/02 Reg. Dec. N.10048 Reg. Ric. Anno 2001 R  E  P  U  B  B  L  I  C  A     I  T  A  L  I  A  N  A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO             Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente D E C I S I O N E sul ricorso in appello n. 10048 del 2001 proposto ex-lege n. 241/90 dal Coordinamento delle Associazioni per la difesa dell’ambiente e dei diritti degli utenti e dei consumatori (Codacons), in persona del suo legale rappresentante pro-tempore, rappresentato e difeso dall’avv. Carlo Rienzi con domicilio eletto presso l’ufficio legale nazionale del Codacons, in Roma, viale G. Mazzini, n. 73; c o n t r o -         il Ministero del lavori pubblici, in persona del Ministro in carica, rappresentato e difeso dall’Avvocatura Generale dello Stato presso i cui uffici è ex lege rappresentato, in Roma, via dei Portoghesi n. 12; e -         la S.p.a., Autostrade Concessioni e Costruzioni Autostrade, in persona del legale rappresentante in carica, rappresentato e difeso dall’avv. Angelo Clarizia ed elettivamente domiciliata presso il suo studio in Roma, via Principessa Clotilde, n, 2; per l'annullamento o la riforma della sentenza n. 2766 del 3 aprile 2001 resa inter partes dal Tribunale Amministrativo del Lazio, Sezione III°, nonché per l’ordine di esibizione dei documenti  ex lege n. 241/90; Visto il ricorso con i relativi allegati; Visto l’atto di costituzione in giudizio del Ministero del Lavori pubblici e della Società Autostrade; Viste le memorie prodotte dalle parti a sostegno delle rispettive difese; Visti gli atti tutti della causa; ......