AGEVOLAZION FISCALI PER ATTIVITA' SPETTACOLARISTICHE



(continua a leggere)


POSSIBILITA’ PER IL SINDACO DI NOMINARE CONSIGLIERI DELEGATI



































































































Risoluzione del 23/04/2004 n Risoluzione del 23/04/2004 n. 63 Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Attivita' di intrattenimento e di spettacolo. Quesito in materia di certificazione dei corrispettivi. Aziende di soggiorno di ...... (Documento in fase di trattamento redazionale.) Testo: La Societa' italiana degli autori ed editori (Siae) ha trasmesso copia della nota del 5 febbraio 2004 dell'Ufficio turismo, commercio e servizi della Provincia .... Con tale nota viene chiesto se possa applicarsi alle aziende di soggiorno di ....la disciplina di semplificazione delle modalita' di certificazione dei corrispettivi relativi alle attivita' di intrattenimento e di spettacolo, prevista in favore delle associazioni pro-loco dall'art. 80, comma 37, della legge 27 dicembre 2002, n. 289. A tal fine la provincia di .... ritiene che le aziende di cui trattasi, disciplinate dalla Legge Provinciale 18 agosto 1992, n. 33, per le finalita' di interesse pubblico perseguite e per la loro appartenenza territoriale possono equipararsi alle associazioni pro-loco del resto del territorio dello Stato, ancorche' differiscono da queste ultime per la forma giuridica, avendo esse personalita' giuridica di diritto pubblico, e per la mancanza di una gestione democratica e su base volontaristica. A tale riguardo si osserva quanto segue. Le associazioni pro-loco sono destinatarie di un regime semplificato di certificazione fiscale dei corrispettivi conseguiti in relazione alle manifestazioni da esse organizzate. In particolare, l'art. 80, comma 37, della legge 27 dicembre 2002, n. 289 stabilisce che "le disposizioni recate dal regolamento per la semplificazione delle modalita' di certificazione dei corrispettivi per le societa' e le associazioni sportive dilettantistiche, di cui al decreto del Presidente della Repubblica si applicano anche alle associazioni pro-loco per le manifestazioni dalle stesse organizzate". Il DPR 13 marzo 2002, n. 69, recante "regolamento per la semplificazione dei corrispettivi per le societa' e le associazioni sportive dilettantistiche" prevede che le societa' e le associazioni sportive dilettantistiche possono certificare i corrispettivi per assistere alle manifestazioni sportive dilettantistiche mediante l'utilizzo di titoli d'ingresso o di abbonamenti recanti il contrassegno del concessionario SIAE di cui all'art. 17 del DPR 26 ottobre 1972, n. 640. La circolare n. 34/E del 2003 chiarisce, in proposito, che "le associazioni pro-loco per tutte le manifestazioni di intrattenimento e per quelle spettacolistiche da esse organizzate hanno la facolta' di non avvalersi per la certificazione dei corrispettivi dei misuratori fiscali e delle biglietterie automatizzate, ma possono a tal fine utilizzare le modalita' semplificate previste dal DPR n. 69 del 2002 e dal provvedimento del direttore dell'Agenzia delle Entrate del 20 novembre 2002". Le associazioni pro-loco per le manifestazioni da esse organizzate hanno, quindi, la facolta', sulla base di una espressa previsione normativa, di non istallare i misuratori fiscali e di utilizzare il sistema di certificazione previsto per le associazioni sportive dilettantistiche. Quanto sopra premesso, si osserva che la chiara formulazione dell'art. 80, comma 37, della legge n. 289 del 2002, il quale limita esattamente l'ambito di applicazione della disposizione da esso recata alle pro-loco, non consente l'estensione del regime agevolato di certificazione dei corrispettivi a soggetti diversi dalle associazioni menzionate. Di conseguenza l'equiparazione auspicata dalla provincia di ... fra le aziende di soggiorno di .... e le associazioni pro-loco, comporterebbe, nella sostanza, un'estensione analogica del regime di cui trattasi a soggetti giuridici diversi da quelli indicati dalla norma, in contrasto con i principi generali in materia di agevolazioni fiscali. Si ritiene, pertanto, che il regime di semplificazione previsto dall'art. 80, comma 37, della legge n. 289 del 2002 non possa trovare applicazione nei confronti delle aziende di soggiorno in argomento. ......