AI DIRIGENTI LA RESPONSABILITA’ DI RESISTERE IN GIUDIZIO



(continua a leggere)


RELAZIONE SULL’ADDIZIONALE IRPEF 2003



































































































CONSIGLIO DI STATO SEZ CONSIGLIO DI STATO SEZ. V - sentenza 25 gennaio 2005, n. 155 - Pres. Elefante, Est. Pullano - Comune di Roma (Avv.ti Magnanelli e Rossi) c. Rizzacasa (Avv. Chiola) - (annulla T.A.R. Lazio - Roma, Sez. II, 12 marzo 2003, n. 1922) (sulla nullità di un ricorso contro un Comune notificato in persona del dirigente piuttosto che in persona del sindaco e sull’inammissibilità di un appello proposto da un Comune senza delibera autorizzativa del dirigente), con nota di L. OLIVERI. FATTO e DIRITTO Il TAR Lazio, con la sentenza in epigrafe, ha accolto il ricorso proposto dall’Avv. Rizzacasa Giuseppe avverso il silenzio rifiuto tenuto del Comune di Roma sulla domanda di accesso ai documenti dallo stesso presentata il 13.9.2002 (al fine di conoscere la data in cui il dipartimento dell’ufficio contravvenzioni del Comune di Roma aveva curato la trasmissione al Prefetto del ricorso che aveva proposto, ex art. 203 C.S., avverso il verbale di accertamento n. 20010508315 elevatogli in data 9.5.2001) ed ha ordinato al Comune di Roma di rilasciare all’interessato copia dei documenti suddetti. Il Comune appellante, che non si era costituito in giudizio, chiede che sia dichiarata la nullità della sentenza, in quanto pronunciata su un ricorso non ritualmente notificato, non essendo state osservate le disposizioni circa la persona alla quale avrebbe dovuto essere consegnata la copia. Il ricorso era stato, infatti, notificato al "Comune di Roma - II Dipartimento U.O. Contravvenzioni, in persona del legale rappresentante pro tempore nel domicilio per la carica presso la sede dello stesso in Roma, in via Ostiense n. 131L". L’appellato, nel costituirsi in giudizio, sostiene che il ricorso sarebbe stato ritualmente notificato al dirigente del Dipartimento II, in quanto secondo l’art. 34, quarto comma, dello Statuto del Comune di Roma "i dirigenti promuovono e resistono alle liti" e ritiene che, comunque, l’appello sarebbe inammissibile, in quanto il sindaco, per agire in giudizio, avrebbe avuto bisogno di una previa delibera dei dirigenti responsabili. L’appello è fondato. La notifica del ricorso introduttivo del giudizio di primo grado è, infatti, avvenuta, come si è appena visto, al Comune di Roma presso il II Dipartimento Ufficio Contravvenzioni, nella persona del dirigente pro tempore, anzichè al Comune di Roma - nella persona del sindaco, legale rappresentante dell’ente - presso la sua sede, e, pertanto, in difformità da quanto disposto dall’art. 145 c.p.c. per le notifiche alle persone giuridiche. Nè ha alcun fondamento la tesi dell’appellato, secondo la quale la notifica sarebbe rituale, perchè il vigente (anche all’epoca in cui il ricorso è stato proposto) statuto comunale attribuisce ai dirigenti il potere di promuovere e resistere alle liti. Invero, a prescindere dalla dubbia legittimità di una disposizione siffatta - considerato che, secondo un fermo orientamento della Corte di Cassazione, la rappresentanza in giudizio del comune è riservata, in via esclusiva, al Sindaco e non può essere esercitata dal dirigente titolare della direzione di un ufficio o di un servizio neppure se così preveda lo statuto comunale (cfr., tra le sentenze più recenti, Cass. civ., Sez. Trib.,7.6.2004 n. 10787) - il riconosciuto potere dei dirigenti di promuovere o resistere alle liti riguarda la loro legittimazione processuale e non già la rappresentanza dell’ente, che è l’elemento rilevante in materia di notifica degli atti. Per quanto concerne, poi, l’eccezione di inammissibilità dell’appello, per essere stato proposto dal sindaco senza la previa delibera del competente dirigente comunale, si deve convenire che, al riguardo, non solo da questo Consiglio, con il precedente invocato a sostegno di detta argomentazione (Sez. IV, 5.7.1999 n. 1164), ma, in epoca più recente, anche dalla Corte di Cassazione (cfr. Cass. Civ., Sez. Trib., 17.12.2003 n. 19380) è stato affermato che occorre la previa determinazione del dirigente in ordine alla opportunità di promuovere una lite o resistere in giudizio. In particolare, la Corte di Cassazione ha chiarito che, nel vigore dell’ordinamento degli enti locali approvato con il d.lg. 18.8.2000 n. 267, la norma dello statuto comunale che attribuisce al dirigente la funzione di gestione amministrativa deve ritenersi comprensiva dell’attribuzione al medesimo del potere di determinazione - in luogo della delibera autorizzativa della giunta municipale - in ordine alla opportunità di promuovere o resistere ad una lite, atteso che tale determinazione non appartiene all’attuazione dell’indirizzo politico-amministrativo generale del Comune (spettante al sindaco ed alla giunta), ma alla gestione amministrativa del singolo caso, ed assume il carattere di una proposta e di una valutazione di natura tecnica, la quale viene accolta discrezionalmente dal sindaco, quale capo dell’amministrazione ed esclusivo rappresentante dell’ente locale dinanzi agli organi giudiziari. Nella specie tale determinazione è, comunque, intervenuta in data 23.9.2004 - quindi, con effetto sanante ex tunc - ed è stata prodotta in giudizio il 24.9.2004. Pertanto, l’eccezione non può essere condivisa. In conclusione, la notifica dell’originario ricorso è nulla per violazione dell’art. 145 c.p.c., che disciplina le notificazioni alle persone giuridiche, con conseguenziale violazione del contraddittorio, in quanto non è stato consentito all’amministrazione intimata di svolgere regolarmente ed efficacemente le proprie difese. L’appello va, quindi, accolto e, per l’effetto, la sentenza impugnata va annullata con rinvio della controversia al tribunale amministrativo, ai sensi dell’articolo 35 della legge 6 dicembre 1971, n. 1034. Le spese di questa fase del giudizio possono essere compensate. P. Q. M. il Consiglio di Stato, Sezione quinta, accoglie l’appello e per l’effetto annulla la sentenza impugnata con rinvio della controversia al TAR. Spese al definitivo. Ordina che la presente decisione sia eseguita dall'Autorità amministrativa. Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio del 24 settembre 2004, con l'intervento dei Signori: Agostino ELEFANTE Presidente Raffaele CARBONI Consigliere Corrado ALLEGRETTA Consigliere Chiarenza MILLEMAGGI Consigliere Nicolina PULLANO Consigliere est. IL PRESIDENTE F.to Agostino Elefante L'ESTENSORE F.to Nicolina Pullano DEPOSITATA IN SEGRETERIA il 25 gennaio 2005   ......