BANDI DI GARA , FINANZA DI PROGETTO, PROCEDURA, NEGOZIATA



(continua a leggere)


La normativa comunitaria prevale su quella nazionale



































































































AUTORITA’ PER LA VIGILANZA SUI LAVORI PUBBLICI AUTORITA’ PER LA VIGILANZA SUI LAVORI PUBBLICI Il Consiglio DETERMINAZIONE N. 1/2003 del 22 gennaio 2003   R/466/02 “Concessioni di lavori pubblici ex art.19, comma 2, della legge n.109/94, affidate secondo le modalità indicate nei successivi artt. 20 e 21, comma 2, lettera b) - Problema relativo alla forma che deve assumere l’offerta ‘progettuale’ . Concessioni aggiudicate in esito a gara preliminare e successiva procedura negoziata da svolgere fra il promotore ed i soggetti presentatori delle due migliori offerte, ai sensi dell’art. 37quater, comma 1, lettera b) della medesima legge – Incidenza degli elementi di valutazione di natura ‘qualitativa’. Approfondimento”. Premesso che: L’Autorità, nell’espletamento dei compiti ad essa demandati dalla legge 109/94,  ha analizzato diverse procedure per l’affidamento di concessioni di lavori pubblici, riscontrando in alcuni bandi di gara la presenza di una clausola che indicava la progettazione definitiva dell’opera a farsi quale parte integrante dell’offerta, da predisporsi – pertanto - già in tale sede e posta quindi come onere per tutti i concorrenti, nonostante il combinato disposto degli art.19, comma 2, art.20 e art.21, comma 2, lettera b) della legge n.109/94 risulti chiaro nel precludere una tale facoltà alle stazioni appaltanti. Rilevata la suddetta anomalia, veniva avviata un’indagine conoscitiva relativa agli affidamenti in concessione di costruzione e gestione posti in essere nel biennio 2000 – 2001, al fine di acquisire, in particolare, i dati e gli elementi relativi alla “forma dell’offerta  progettuale”  richiesta dalle stazioni appaltanti ai fini degli affidamenti in concessione. I dati acquisiti hanno evidenziato l’esistenza di una “disomogeneità interpretativa” da parte delle s.a. circa gli elementi che – a termini di legge – possono essere richiesti ai concorrenti  in fase di gara ai fini del successivo affidamento in concessione. Per questo motivo ed anche alla luce delle modifiche introdotte nella specifica materia dalla legge n.166/02, è stata ritenuta opportuna una pronuncia chiarificatrice da parte di questa Autorità. Ritenuto in diritto Come è noto, l’art.19, comma 2, della legge n.109/94 stabilisce che le concessioni di lavori pubblici “sono contratti conclusi in forma scritta fra un imprenditore ed una amministrazione aggiudicatrice, aventi ad oggetto la progettazione definitiva, la progettazione esecutiva e l’esecuzione di lavori pubblici”, mentre il successivo art.20, comma 2, chiarisce che esse “sono affidate mediante licitazione privata ponendo a base di gara un progetto preliminare corredato, comunque, anche degli elaborati relativi alle preliminari essenziali indagini geologiche, geotecniche, ideologiche e sismiche” e che “l’offerta ha ad oggetto gli elementi di cui all’articolo 21, comma 2, lettera b), nonché le eventuali proposte di varianti al progetto posto a base della gara”. In proposito va subito evidenziato che l’art.7, comma 1, lettera l), della legge n.166/02 ha apportato una significativa modifica al predetto comma 2 dell’art.20, laddove precisa che a base di gara deve essere posto un “progetto almeno di livello  preliminare”, mentre non ha introdotto alcuna innovazione al testo dell’art.19, comma 2, che pone – come detto – la progettazione definitiva tra le prestazioni contrattuali e quindi la colloca in una fase temporale successiva a quella  dell’aggiudicazione. Pertanto, stante l’invariato ed inequivocabile contenuto dell’art.19, comma 2, la suddetta modifica non può significare che alle stazioni appaltanti venga concessa la facoltà discrezionale di richiedere a tutti i concorrenti - già in fase di offerta - la predisposizione del progetto definitivo, nell’accezione di cui all’art. 16 comma 4 della legge quadro, ma va interpretata nel senso che l’amministrazione concedente deve farsi carico di un’attività preventiva tesa alla determinazione di una serie di parametri ‘progettuali’ che implementino l’elaborazione di livello preliminare, al fine di consentire la formulazione consapevole dell’offerta da parte degli interessati, senza far gravare su di essi un indebito onere. In tal senso, non può che ribadirsi quanto espresso con la determinazione n.12 del 7.3.2000, e cioè che il progetto preliminare posto in visione dei concorrenti deve essere “per così dire arricchito di ulteriori elementi… per corrispondere ad esigenze che possano trovare giustificazioni solo nelle scelte e nell’attività della pubblica amministrazione”, mentre la prestazione di progettazione definitiva deve formare, di regola, parte integrante dell’oggetto del contratto di concessione - con conseguente suo espletamento in una fase successiva all’affidamento - da porre a carico del solo concorrente che in esito alla gara risulta essere l’effettivo ed unico aggiudicatario. Per inciso, l’attuale quadro normativo prevede comunque che – in via preventiva - l’amministrazione concedente fornisca ai concorrenti una ‘griglia’ alla quale dovrà attenersi nell’operare le proprie valutazioni di ordine qualitativo. Va infatti rammentato che per utilizzare il previsto criterio dell’offerta economicamente più vantaggiosa, l’art.91 del D.P.R. n.554/99 dispone che agli elementi di valutazione di cui all’art.21,comma 2, lettera b) della legge (il prezzo, il valore tecnico ed estetico dell’opera progettata, il tempo di esecuzione dei lavori, il rendimento, la durata della concessione, le modalità di gestione, il livello e i criteri di aggiornamento delle tariffe da praticare all’utenza, nonché gli ulteriori elementi individuati in base al tipo di lavoro da realizzare) vengano assegnati “pesi” o “punteggi” - globalmente pari a cento - e che gli stessi debbano essere indicati nel bando di gara, unitamente ai sub-elementi e relativi “sub-pesi” e “sub-punteggi” in base ai quali si determina la valutazione qualitativa. Infine, va considerato che il progetto definitivo ex art.16, comma 4, della legge quadro, comprende la predisposizione di tutta una serie di elaborati, taluni dei quali non certamente indispensabili nella fase di gara relativa all’affidamento della concessione. A ciò si aggiunge l’ulteriore considerazione che nell’art. 20 della legge n.109/94  è assente qualsiasi riferimento alla progettazione definitiva, poiché il dettato normativo si limita ad affermare che l’affidamento avviene ponendo a base di gara un progetto preliminare predisposto dall’Amministrazione - eventualmente (ma non necessariamente) variato dall’aggiudicatario - con l’ulteriore aggiunta che “i lavori potranno avere inizio soltanto dopo l’approvazione del progetto esecutivo da parte dell’amministrazione aggiudicatrice.” Il mancato esplicito riferimento di cui sopra potrebbe quindi dar luogo a ritenere che - all’esito dell’offerta corredata di eventuali varianti proposte dal concorrente-aggiudicatario - non risulti strettamente necessaria la preventiva e separata redazione del progetto definitivo, da predisporre pertanto contestualmente a quella del progetto esecutivo. Passando ad analizzare la forma che deve essere assunta dall’offerta progettuale, va innanzitutto ribadito il precedente concetto per cui, rispetto alla elaborazione di progetto posta a base di gara, è consentito ai concorrenti presentare eventuali e possibili varianti - giusto art.87, lettera e), del D.P.R. n.554/99 - ma nessuna vera e propria soluzione alternativa, che si discosti dalle scelte generali operate dalla stazione appaltante. Come infatti sancito dallo stesso Consiglio di Stato, Sez. V, 30 novembre 2000, n.6367 (già richiamato nella determinazione n.53/2000 del 7.12.2000), “le modifiche al progetto predisposto dall’amministrazione non possono configurare un’alternativa progettuale, ma devono limitarsi ad innovazioni complementari e strumentali, nel rispetto delle linee essenziali e dell’impostazione del progetto di base.” Risulta inoltre opportuno sottolineare che l’offerta non può presentarsi in una forma univoca e prestabilita, in quanto la stessa si modella di volta in volta in relazione all’ordine di importanza assegnato dall’amministrazione aggiudicatrice agli elementi previsti dall’art. 21 comma 2 della legge 109/94, da indicare preventivamente nel bando di gara o nel capitolato speciale d’appalto in relazione al diverso tipo di opera da realizzare e gestire. Pertanto, all’incertezza nel definire i contorni precisi della elaborazione di cui deve farsi carico l’offerente può porre rimedio la sola stazione appaltante, indicando chiaramente – nell’avviso di gara – tutti gli elementi di valutazione e i relativi fattori ponderali in base ai quali la Commissione Giudicatrice valuterà le offerte pervenute. Diventa conseguentemente necessaria la corretta applicazione dell’art.21, comma 2, laddove si chiarisce che gli elementi di valutazione sono “variabili in relazione all’opera da realizzare”, per cui – ad esempio – il “valore tecnico ed estetico dell’opera progettata” potrà trovarsi ad assumere un peso percentualmente inferiore quando si dovranno soppesare le offerte relative ad appalti per la realizzazione di impianti a rete (pubblica illuminazione, distribuzione gas metano), mentre lo stesso elemento di giudizio potrà assumere una rilevanza notevole laddove la componente legata alla progettazione architettonica dell’opera da realizzare risulterà emergente, come può accadere per piscine, ospedali, residenze per anziani, cimiteri. In qualche modo ciò potrebbe significare che il “valore tecnico ed este......