BASE IMPONIBILE CONTRIBUTIVA



(continua a leggere)


Pegno su azioni a garanzia di finanziamento



































































































Organo: DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI Organo: DIREZIONE GENERALE - DIREZIONE CENTRALE RISCHI Documento: Circolare n. 39 del 15 ottobre 2010 Oggetto: Base imponibile contributiva. Aggiornamento Circolare n. 17 del 20 marzo 1998. Quadro Normativo ·    DPR 30 giugno 1965, n. 1124: "Testo unico delle disposizioni per l'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni e le malattie professionali" e successive modifiche e integrazioni. Articolo 29. ·    DPR 22 dicembre 1986, n. 917: ""Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi (TUIR)" e successive modifiche e integrazioni. Articoli 49 e 51. ·    Decreto Legislativo 2 settembre 1997, n. 314: "Armonizzazione, razionalizzazione e semplificazione delle disposizioni fiscali e previdenziali concernenti i redditi da lavoro dipendente e dei relativi adempimenti da parte dei datori di lavoro" e successive modifiche e integrazioni. Pagamento dei premi assicurativi tramite il modello F24 Enti Pubblici. ·    Circolare Inail n. 17 del 20 marzo 1998: "Decreto legislativo 2 settembre 1997, n. 314, recante 'Armonizzazione razionalizzazione e semplificazione delle disposizioni fiscali e previdenziali concernenti i redditi da lavoro dipendente e dei relativi adempimenti da parte dei datori di lavoro'. nuova formulazione dell'art. 29 del TU 1124/1965: regime imponibile dal 1° gennaio 1998. Istruzioni riassuntive in merito al regime imponibile fino al 1997". ·   Circolare Inail n. 43 del 16 giugno 1998: "Articolo 4 del decreto legislativo 23 marzo 1998, n. 56 recante 'modifiche alla normativa in materia di redditi da lavoro dipendente": indennità sostitutiva del servizio di vitto e mensa. PREMESSA La presente circolare aggiorna, per i soli aspetti oggetto di innovazione normativa successiva, i contenuti della circolare n. 17 del 20 marzo 1998 concernente: "Decreto legislativo 2 settembre 1997, n. 314 recante 'Armonizzazione, razionalizzazione e semplificazione delle disposizioni fiscali e previdenziali concernenti i redditi da lavoro dipendente e dei relativi adempimenti da parte dei datori di lavoro'. Nuova formulazione dell'articolo 29 del TU n. 1124/1965: regime imponibile dal 1° gennaio 1998. Istruzioni riassuntive in merito al regime imponibile fino al 1997" 1. Pertanto, premesso che, per tutto quanto non trattato in questa sede, resta fermo il contenuto della citata circolare, è stata innanzitutto predisposta l'allegata tabella che converte in euro gli importi presenti nella circolare del 19982 . 1. IMPONIBILE CONTRIBUTIVO La base imponibile contributiva, come è noto, è costituita dall'ammontare lordo del reddito di lavoro dipendente di cui al combinato disposto degli articoli 51 Testo Unico Imposte sui Redditi (TUIR)3 e 29 Testo Unico in materia di assicurazione obbligatoria (TU)4 ad esclusione: - delle somme e dei valori indicate ai commi da 2 a 8 dell'art. 51 TUIR - delle somme di cui ai commi 4 e 6 dell'art. 29 del TU. 2. SOMME E VALORI ESCLUSI DALL'IMPONIBILE AI FINI FISCALI E CONTRIBUTIVI: articolo 51, commi da 2 a 8, TUIR Si elencano le sole somme (compensi in denaro) ed i valori (compensi in natura) totalmente o parzialmente esclusi dall'imponibile ai fini fiscali e contributivi che sono stati modificati da interventi normativi successivi all'emanazione della circolare del 1998. 2.1 EROGAZIONI LIBERALI IN OCCASIONE DI FESTIVITÀ O RICORRENZE5 Le erogazioni liberali concesse dal datore di lavoro alla generalità o a categorie di dipendenti sono escluse dall'imponibile fino alla data del 28 maggio 20086 . L'erogazione è da ritenersi eseguita a titolo di liberalità se non è dovuta, cioè se non sorge dall'obbligo, derivante dal contratto collettivo o individuale di lavoro, di corrispondere un importo predeterminato. Le "festività o ricorrenze" sono tutte quelle situazioni in cui si è soliti celebrare un evento: non solo le festività religiose e civili e le ricorrenze in senso proprio, ma anche le festività e ricorrenze relative al dipendente o all'azienda (es.. il matrimonio o la nascita di un figlio, il cinquantenario dell'azienda, ecc.). Dette erogazioni, per ciascun dipendente, sono esenti fino alla data del 28 maggio 2008 per un importo non superiore ad   258,23 annuale. A decorrere dal 29 maggio 2008, le erogazioni liberali in argomento concorrono alla formazione del reddito di lavoro dipendente per l'intero importo, ferme restando le specifiche eccezioni previste nell'art. 51 del TUIR. In particolare, il citato TUIR7 esclude dalla formazione del reddito il valore normale dei beni ceduti e dei servizi prestati, se complessivamente di importo non superiore a   258,23; la medesima norma stabilisce inoltre che se detto valore è superiore al limite indicato lo stesso concorre interamente a formare il reddito. Questa previsione fornisce i criteri per la determinazione del valore dei beni in natura, stabilendo altresì una soglia di detassazione. Da ciò ne deriva che, con l'abrogazione della disposizione agevolativa relativa alle liberalità, le stesse, ove siano erogate in natura (sotto forma di beni e servizi o di buoni rappresentativi degli stessi) rientrano nella previsione di esclusione dal reddito se di importo non superiore a   258,238. Inoltre, l'esclusione dal reddito opera anche se la liberalità è erogata ad un solo dipendente, non essendo più richiesto che l'erogazione liberale sia concessa in occasione di festività o ricorrenze alla generalità dei dipendenti, fermo restando che se il valore in questione è di importo superiore ad   258,23, lo stesso concorre interamente a formare reddito9. 2.2 SUSSIDI OCCASIONALI10 Fino alla data del 28 maggio 200811, sono totalmente esclusi dall'imponibile anche i "sussidi occasionali", ovvero somme concesse in via eccezionale, sempre a titolo di liberalità, nelle seguenti tre ipotesi: 1. sussidi erogati in occasione di rilevanti esigenze personali o familiari del dipendente; dette "esigenze familiari" si riferiscono ai familiari individuati dall'art. 5, comma 5, del TUIR: coniuge, i parenti entro il terzo grado e gli affini entro il secondo 2. sussidi corrisposti a dipendenti vittime dell'usura12 3. sussidi corrisposti a dipendenti ammessi a fruire delle erogazioni pecuniarie a ristoro dei danni conseguenti a rifiuti opposti a richieste estorsive13. A decorrer......