CERTIFICATO DI BILANCIO E IMPUTAZIONE FONDO ORDINARIO INVESTIMENTI



(continua a leggere)


Società miste: legittima la revoca della costituzione



































































































Il quesito: Il quesito: “Il modello del certificato di bilancio, recentemente reso noto da codesto Ministero sul proprio sito informatico, non considera la possibilità, prevista – per i Comuni con popolazione inferiore a 3.000 abitanti – dall’art. 94, comma 11, della legge 289/2002, di finanziare il rimborso di prestiti (Titolo III della spesa) con il fondo ordinario investimenti. Qual è la soluzione da adottare ai fini della compilazione del quadro degli equilibri atteso che il modello informatico non si può né integrare né modificare?”   La risposta: “In riferimento al quesito inoltrato sulla imputazione della quota del fondo ordinario investimenti si chiede di far confluire l’importo in maniera fittizia per il solo anno 2003 in una delle tre voci esistenti (ineri di urbanizzazione, mutuo per debiti fuori bilancio, avanzo destinato a debiti fuori bilancio). In calce alla pagina del certificato si preciserà su quale voce si è operato.” ......