CERTIFICAZIONE CONTO DEL BILANCIO 2006



(continua a leggere)


RELAZIONE AL PARLAMENTO SULL'ADDIZIONALE IRPEF 2006



































































































Circolare F Circolare F.L. 19 / 2007   Roma lì, 28 settembre 2007   AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA - LORO SEDI AI COMMISSARI DEL GOVERNO NELLE PROVINCE DI TRENTO E BOLZANO- TRENTO E BOLZANO AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA VALLE D’AOSTA - AOSTA AI PRESIDENTI DELLE PROVINCE - LORO SEDI AI SINDACI - LORO SEDI AI PRESIDENTI DELLE COMUNITA' MONTANE - LORO SEDI e, per conoscenza, ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - Dipartimento per la funzione pubblica R O M A - Dipartimento per gli affari regionali - R O M A - Conferenza Unificata Stato-Regioni-Città-Autonomie Locali - R O M A ALLA CORTE DEI CONTI - Sezione Enti Locali - R O M A AL MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato  R O M A -  Dipartimento per le politiche di sviluppo e coesione - R O M A -  Dipartimento per le politiche fiscali - R O M A AL COMMISSARIO DELLO STATO NELLA REGIONE SICILIANA - PALERMO AL RAPPRESENTANTE DEL GOVERNO NELLA REGIONE SARDA - CAGLIARI AL RAPPRESENTANTE DEL GOVERNO NELLA REGIONE FRIULI VENEZIA-GIULIA - TRIESTE ALLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI - R O M A ALLA SCUOLA SUPERIORE DELL'AMMINISTRAZIONE DELL'INTERNO - S E D E ALL'A.N.C.I. - Via dei Prefetti, n. 46 - R O M A ALL'U.P.I. - P.zza Cardelli, n. 4 - R O M A ALL'U.N.C.E.M. - Via Palestro, n. 30 - R O M A ALL'ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA - R O M A OGGETTO: Certificazioni di conto di bilancio 2006 delle province, dei comuni, delle comunità montane e delle unioni di comuni.   SOMMARIO § 1. Premessa3 § 2. Modalità di presentazione della certificazione 3 § 3. Redazione della certificazione4 § 4. Adempimenti degli Uffici Territoriali del Governo 6   § 1.  Premessa Come è noto l’articolo 161 comma 1 del testo unico della legge sull’ordinamento degli enti locali, approvato con il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 prevede, che i comuni, le unioni dei comuni, le province e le comunità montane,  redigano apposita certificazione sui principali dati del bilancio preventivo e del conto di bilancio con modalità da fissarsi con decreto del Ministero dell’interno, d’intesa con l’Associazione nazionale dei comuni italiani (A.N.C.I.), l’Unione delle province d’Italia (U.P.I.) e l’Unione nazionale comuni, comunità ed enti della montagna (U.N.C.E.M.) In base alla predetta normativa questo Dipartimento ha provveduto alla stesura del decreto ministeriale del 25 luglio 2007 contenente le modalità relative ai certificati di conto di bilancio 2006, delle province, dei comuni, delle comunità montane e delle unioni dei comuni, pubblicato sul supplemento ordinario n. 180  della Gazzetta Ufficiale n.186 dell’11 agosto 2007. In relazione a quanto sopra è stato stabilito che gli enti devono predisporre e presentare  alle Prefetture - Uffici Territoriali del Governo il certificato di conto di bilancio 2006 in versione  informatizzata, inviando sia il supporto magnetico (floppy disk o cd) che  il relativo supporto cartaceo in quanto forma documentale imprescindibile per l’acquisizione del certificato. Questo Dipartimento, nel frattempo, nell’intento di proseguire nelle iniziative di coinvolgimento delle Prefetture nel settore della finanza locale e nelle attività tese alla riduzione dei tempi di aggiornamento della banca dati ed al miglioramento qualitativo dei dati stessi ha realizzato un progetto che ha permesso di connettere tutte le Prefetture alla banca dati di finanza locale, nel contempo delegando alle stesse le funzioni di acquisizione dei dati dei certificati. In ogni caso è stata confermata la competenza esclusiva del Ministero per tutte le attività di coordinamento e di controllo. L’obiettivo che si è inteso raggiungere è quello di rendere disponibili alle Prefetture, in tempo reale, i dati aggiornati dei bilanci degli enti locali e, contemporaneamente, ottenere dati migliori per poter esaudire tempestivamente le numerose richieste che pervengono, in questo periodo di significative riforme, da parte di organismi istituzionali quali, il Parlamento, i Ministeri, l’I.S.A.E. e le associazioni rappresentative degli enti locali, nonché dai singoli enti locali. Al fine di approfondire e risolvere eventuali problematiche riguardanti l’attività di acquisizione dagli enti locali e di caricamento nella banca dati dei certificati contabili negli ultimi giorni di agosto e nei primi di settembre, la Direzione Centrale della Finanza Locale di questo Dipartimento ha tenuto un incontro di aggiornamento presso la SSAI con il personale delle Prefetture addetto alla Finanza Locale. Infatti, non deve essere sottovalutato che la raccolta dei dati del conto del bilancio permette di conoscere meglio la realtà degli enti locali, attraverso la lettura dei dati che contengono le risultanze contabili dell’attività amministrativa posta in essere dagli enti stessi. L’attività di raccolta dei dati si collega, quindi, strumentalmente e inevitabilmente alla priorità politica contenuta nella Direttiva generale per l’attività amministrativa e per la gestione per l’anno 2007 del Ministro dell’Interno denominata “ Arricchimento della collaborazione interistituzionale con nuove forme di sinergia e di raccordo”, in relazione alla quale, compiti molto importanti vengono affidati ai Prefetti e alle Prefetture – Uffici territoriali del Governo. Del resto, la conoscenza dei dati contabili degli enti locali ed, in particolare, per quanto riguarda i dati delle entrate, può fornire informazioni utili ai fini degli approfondimenti che si stanno conducendo, nelle competenti sedi istituzionali, per avviare a completamento il federalismo fiscale, che rappresenta uno dei punti della Direttiva del Presidente del Consiglio dei Ministri del 12 marzo 2007 in tema di indirizzi per l’attuazione del programma di governo. Allo stesso tempo, la prossima approvazione della legge finanziaria per il 2008 richiede al Dipartimento, chiamato a fornire al Governo ed al Parlamento ogni utile elemento a sostegno delle decisioni da assumere, l’esatta percezione delle situazioni esistenti sul territorio, al fine di suggerire i più utili interventi correttivi e di impulso allo sviluppo delle comunità locali. Si invitano, pertanto, codesti Uffici, a porre in essere ogni necessaria iniziativa affinché l’adempimento in discorso venga curato con particolare attenzione e tempestività. § 2.  Modalità di presentazione della certificazione Secondo quanto s......