CHIARIMENTI SUGLI ORGANISMI INDIPENDENTI DI VALUTAZIONE



(continua a leggere)


Termini di decorrenza per il ricorso



































































































Quesito in ordine alla facoltà dei Comuni di costituire gli OIV in sostituzione dei “servizi di controllo interno comunque den Quesito in ordine alla facoltà dei Comuni di costituire gli OIV in sostituzione dei “servizi di controllo interno comunque denominati” ai sensi dell’articolo 14, comma 2, del D. Lgs. n. 150/2009 Con il quesito in oggetto, un Segretario comunale chiede chiarimenti in merito alla delibera n. 121/2010 con riferimento alla costituzione degli Organismi indipendenti di valutazione (OIV) presso i Comuni. In particolare, chiede se, laddove l’ente non si avvalga della facoltà di costituire l’OIV, possa continuare ad operare il Nucleo di valutazione. Risposta La Commissione ha ribadito che i Comuni non rientrano tra le amministrazioni tenute a costituire gli OIV nell’anno in corso, nelle more dell’adeguamento degli ordinamenti degli enti territoriali ai principi contenuti negli articoli del decreto legislativo n. 150/2009 indicati nel comma 2 dell’articolo 16. La Commissione, secondo quanto previsto dall’articolo 13, comma 2, del D. Lgs. n. 150/2009, ha sottoscritto il Protocollo d’intesa con l’ANCI, convenendo che alcune problematiche di carattere generale relative alle modalità di applicazione del decreto ai Comuni siano affrontate nell’ambito di apposito tavolo tecnico. All’esito di incontri con l’ANCI, la Commissione, con la delibera n. 121/2010, ha espresso l’avviso che, stante il mancato rinvio disposto dal citato articolo 16, comma 2, del D. Lgs. n. 150/2009 all’articolo 14, i Comuni hanno la facoltà e non l’obbligo di prevedere la costituzione degli OIV in conformità all’articolo 14 e tenendo conto dei requisiti della delibera n. 4/2010. Pertanto, con riferimento alla decadenza dei Nuclei di valutazione, la Commissione ritiene che la risposta al quesito in precedenza formulato dal Comune Godega di Sant’Urbano, pubblicata sul sito istituzionale, vada coordinata con gli indirizzi contenuti nella richiamata delibera n. 121/2010: infatti, nell’ipotesi in cui i Comuni, nella loro autonomia, non deliberino la costituzione dell’OIV, non può verificarsi la decadenza connessa alla sostituzione dei “servizi di controllo interno comunque denominati”, prevista dagli articoli 14, comma 2, e 30, comma 2, del D. Lgs. n. 150/2009, ai quali potranno essere affidate le funzioni implicate dall’applicazione dei principi delle disposizioni richiamate dagli articoli 16 e 31 del D. Lgs. n. 150/2009. ____________________________________-   Quesiti in tema di valutazione dei servizi sociali e di incompatibilità alla nomina di componente degli OIV Con i quesiti in oggetto, un Segretario comunale chiede se tra i compiti dell’OIV rientri anche quello di valutare i servizi erogati attraverso le società partecipate, i Consorzi e le Aziende costituite per la gestione dei servizi sociali degli enti locali e se coloro che ricoprono la carica di rappresentante legale, componente del C.d.A. o direzione di tali società partecipate, Consorzi e Aziende possono far parte dell’OIV. Risposta Con riferimento al primo quesito, la Commissione evidenzia che la valutazione dei servizi sociali, comunque prestati, non rientra tra le funzioni dell’OIV ai sensi dell’articolo 14 del D. Lgs. n. 150/2009. Spetta all’amministrazione titolare dell’affidamento la decisione di contemplare i servizi affidati nel Piano della perfomance, in relazione agli obiettivi dell’amministrazione medesima nell’anno di riferimento. Con riferimento al secondo quesito relativo all’incompatibilità a far parte dell’OIV di coloro che ricoprono la carica di rappresentante legale, componente del C.d.A. o direzione di tali società partecipate, Consorzi e Aziende, la Commissione evidenzia che l’articolo 14, comma 8, del D. Lgs. n. 150/2009 non prevede tale incompatibilità, salva comunque ogni valutazione di opportunità da parte dell’amministrazione e ferma restando l’esigenza di evitare conflitti d’interesse controllore/controllato. ......