COLLABORATORI: NON SERVE UNA NUOVA ISCRIZIONE PREVIDENZIALE SE CAMBIA IL COMMITTENTE



(continua a leggere)


INCOSTITUZIONALI LE PRESCRIZIONI DI DETTAGLIO SULLA RIDUZIONE DI SPESA



































































































Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Direzione Centrale delle Entrate Contributive Roma, 8-11-2005 Messaggio n. 36780 OGGETTO:Chiarimenti sull'obbligo di iscrizione alla gestione separata. Mutamento della qualifica Si comunica che il Comitato amministratore della Gestione di cui all'art.2 comma 26,della legge n.335/1995, nell'esaminare la vigente disciplina dell'iscrizione alla Gestione, ha integralmente condiviso la posizione assunta dalla scrivente Direzione, quale riassunta nelle considerazioni che seguono. L'iscrizione alla Gestione separata è disciplinata dall'art. 2, comma 27, della legge 8 agosto 1995, n. 335, in base al quale i lavoratori autonomi, i collaboratori coordinati e continuativi e gli incaricati alle vendite a domicilio comunicano all'INPS, dalla data di inizio dell'attività lavorativa, la tipologia dell'attività, i propri dati anagrafici, il numero di codice fiscale e il proprio domicilio. I decreti di attuazione della legge citata e le disposizioni successive, che hanno previsto l'obbligo assicurativo nella Gestione separata per nuove figure di lavoratori ( Lavoratori autonomi occasionali ed associati in partecipazione) non hanno innovato o integrato la disciplina delle modalità e dei termini di iscrizione sopra descritte. In materia l'Istituto, oltre a predisporre la relativa modulistica e le procedure di iscrizione "on line", per le diverse categorie di lavoratori da assicurare alla Gestione, ha avuto modo di chiarire, in riferimento ai collaboratori coordinati e continuativi, come non sia giuridicamente configurabile l'obbligo di iscrizione del lavoratore alla Gestione separata tutte le volte che al primo rapporto ne seguano o se ne aggiungano altri, con diversi committenti. A diverse conclusioni deve pervenirsi, peraltro, allorché venga a modificarsi la qualifica del lavoratore nell'ambito della Gestione, nelle fattispecie nelle quali il collaboratore (o, se si vuole , l'associato in partecipazione, il lavoratore autonomo occasionale) intraprenda un'attività di lavoro autonomo ex art.53, comma 1, del T.U.I.R. in qualità di professionista non iscritto ad albi o casse professionali. In tali fattispecie, infatti, si modifica radicalmente il rapporto tra l'Istituto ed il lavoratore, che diviene l'unico e diretto responsabile del pagamento dei contributi previdenziali, dovuti sulla base di un diverso reddito , con scadenze e modalità proprie e senza alcun obbligo di denuncia nei confronti dell'Inps. Per quanto precede deve concludersi che, ai fini del corretto svolgimento del rapporto contributivo, il soggetto che intraprenda l'attività di "lavoratore autonomo" debba iscriversi in quanto tale alla Gestione separata, ancorché gia presente nella stessa con diversa qualifica, a nulla rilevando, ai fini predetti, l'unicità della relativa posizione assicurativa. Tanto si comunica, per opportuna conoscenza e norma delle strutture in indirizzo, in attuazione delle determinazioni assunte dal Comitato amministratore della Gestione in argomento. Il Direttore centrale (Giorgio Craca)   ......