COLLEGAMENTI AL CNSD



(continua a leggere)


PICCOLI COMUNI: CONSULTAZIONE GRATUITA G.U. ON LINE



































































































Ministero dell'Interno Ministero dell'Interno Dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Prot. n. 200604347/15100/22908 Circolare n. 11 Roma, 19 aprile 2006 - AI PREFETTI DELLA REPUBBLICA LORO SEDI - AL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA PROVINCIA DI 39100 BOLZANO - AL COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA PROVINCIA DI 38100 TRENTO - AL PRESIDENTE DELLA REGIONE AUTONOMA VALLE D'AOSTA - Servizio Affari di Prefettura 11100 AOSTA - AL COMMISSARIO DELLO STATO PER LA REGIONE SICILIA 90100 PALERMO - AL RAPPRESENTANTE DEL GOVERNO PER LA REGIONE SARDEGNA 09100 CAGLIARI e, p.c. - ALL'ANCI Via dei Prefetti, 46 00186 ROMA - ALL'ANCITEL spa Via Arco di Travertino, 11 00178 ROMA - ALL'UNIVERSITA' 2 - TOR VERGATA Via dell'Archiginnasio - Casale 4 00173 ROMA - ALL'ANUSCA - Associazione Nazionale Ufficiale di Stato Civile di Anagrafe Via dei Mille, 35 E/F 40024 CASTEL SAN PIETRO TERME - ALLA DE.A. - Demografici Associati - Amministrazione Comunale - V.le Comaschi, 1160 56021 CASCINA (PI) - AL GABINETTO DELL'ON.LE SIG. MINISTRO SEDE - AL SERVIZIO DOCUMENTAZIONE DELLA DIREZIONE CENTRALE PER I SERVIZI DEMOGRAFICI = per gli adempimenti di competenza = SEDE Oggetto: Collegamenti al Centro Nazionale per i Servizi Demografici (CNSD). Gruppi di lavoro previsti dalla circolare n. 15 in data 15.3.05. Rafforzamento e coordinamento. Si fa seguito alle Circolari n. 3 del 19 gennaio e n. 8 del 9 marzo c.a., concernenti lo svolgimento di due campagne di attività straordinaria di installazione guidata delle Quantità di Sicurezza, Attivazione e Certificazione (QSAC), durante le quali i comuni, non in regola, sono stati contattati telefonicamente dall'Assistenza tecnica del CNSD per essere guidati nello svolgimento delle relative procedure. Tali iniziative sono state precedute da una serie di attività propedeutiche alla realizzazione dei collegamenti al CNSD, tra le quali l'attribuzione di personal computer ad un cospicuo numero di piccoli comuni, la diffusione di software per l'informatizzazione delle anagrafi, la distribuzione del supporto informatico e delle relative credenziali per realizzare gli accessi al Centro e da ultimo la pubblicazione di tutta la manualistica necessaria sul sito web di questa Direzione. Atteso che, alla data odierna, comunque residua un numero di enti locali pari a 1245 che non ha ancora effettuato le operazioni predette, al fine di fornire un quadro preciso della situazione, si allega un report contenente lo stato della provincia (all.1), in cui sono dettagliate le ragioni tecniche o puramente amministrative, per cui i predetti Enti non hanno ancora adempiuto agli obblighi imposti dall'art. 7.vices ter della Legge 31.03.05 n. 43. Al fine di consentire la conclusione di tutte le attività in tempi brevi, si richiama l'attenzione delle SS.LL. sulla Circolare n. 15 del 15 marzo 2004, con la quale si raccomandava la costituzione di appositi Gruppi di Lavoro, diretto dal Dirigente dell'Area Enti Locali, per le problematiche concernenti l'attivazione dei Sistemi INA-SAIA. Grazie alla costituzione di tali organismi sono state risolte varie problematiche tecniche, in specie nelle realtà locali ove si è sperimentata l'emissione della Carta di identità elettronica, anche in virtù dello scambio di esperienze tra tecnici appartenenti a diverse amministrazioni. All'uopo, si rappresenta la necessità di riattivarne l'operatività, atteso il momento particolarmente significativo per l'imminente entrata in esercizio del Sistema di emissione della CIE, che passa necessariamente attraverso il completamento delle fasi propedeutiche dell'invio dei Piani di Sicurezza comunali, del completamento dell' aggiornamento dell' Indice Nazionale delle Anagrafi e della definizione del sistema di vigilanza Anagrafica. Tali organismi, a parere dello scrivente, possono essere correttamente considerati strumenti delle Conferenze provinciali e regionali permanenti, previste dal Decreto legislativo 30.7.99, n. 300 e successive modificazioni, nonché dal Regolamento di attuazione in corso di emanazione, al fine di attualizzare la prevista collaborazione con le autonomie territoriali in attività amministrative volte al miglioramento della qualità dei servizi resi ai cittadini, quali l'emissione della Carta di identità elettronica. In questa ottica potranno essere più facilmente intraprese iniziative particolari, di sostegno alle piccole realtà locali, prive di strumenti essenziali per la realizzazione degli obiettivi posti dalle Leggi 31.3.05, n. 43, e 31.5.05, n. 88 ( mancanza di Personal computer o di profili professionali di carattere tecnico-informatico ovvero di una rete adeguata, secondo le specifiche dettate dall' art. 11 del D.M. 2.8.05). Tali Gruppi, con il sostegno di Regioni e delle Province, potranno altresì mettere a punto strategie di respiro più generale, se del caso anche attivando l'utilizzo di risorse provenienti dai Fondi sociali europei, con azioni mirate ad attività di formazione rivolte al personale addetto ai Servizi Demografici negli enti locali. A tal fine, si rende necessario che il Gruppo di lavoro si avvalga, se non prevista, della partecipazione di un rappresentante della Provincia, ( e della Regione, nei relativi capoluoghi), se possibile coadiuvato da un profilo professionale tecnico informatico, che potrà svolgere attività di supporto e raccordo per i comuni. E' inoltre, importante sottolineare la valenza, in questa fase, della collaborazione del Comune capoluogo di provincia, che potrà assumere la denominazione di "comune capofila", con il compito di svolgere attività di supporto tecnico (avvalendosi del Responsabile del Ced, nonché del Responsabile dei Servizi Demografici), nei casi residuali di richiesta di assistenza in loco, ferma restando la doverosa collaborazione dell' Assistenza del CNSD. Per particolari problematiche di carattere tecnico concernenti il rilascio della Carta di identità elettronica, il Gruppo di Lavoro potrà avvalersi della presenza di un comune sperimentatore della provincia e contattare il Gruppo di Lavoro Tecnico ministeriale, composto dall' Anci, dall'Università di Tor Vergata e da alcuni comuni sperimentatori (di cui si allegano elenco e riferimenti ). Occorrerà, in prima battuta, che siano affrontate le problematiche dettagliate nel report, trasmettendo successivamente a questo Dipartimento - Direzione Centrale per i Servizi Demografici, una relazione concernente le azioni intraprese, da far pervenire alla Scrivente entro il 15 maggio p.v. Parallelamente, deve essere portato a regime l' aggiornamento dell' Indice nazionale delle Anagrafi, svolgendo attività di impulso al fine di completare l'allineamento tra i dati anagrafici comunali e quelli dell' Agenzia delle Entrate, limitatamente al codice fiscale, realizzare il completo popolamento dell' INA e il suo costante aggiornamento, attività, peraltro, rese obbligatorie dall' art. 1 novies della legge 31.5.05, n. 88. Vale la pena di sottolineare che l'entrata a regime della Carta di identità elettronica è fortemente condizionata dalla risoluzione delle prospettate problematiche e ciò influirà sull' imminente scelta dei comuni cui attribuire i prossimi lotti di supporti magnetici, e l'attrezzatura necessaria per il rilascio della Carta di identità elettronica. Si informa, inoltre, le SS.LL che è imminente il rilascio ai Comuni del nuovo sw XML-SAIA v. 2, che consentirà a tutti i comuni, anche sperimentatori CIE, di performare le predette trasmissioni di dati anagrafici all' Indice Nazionale delle Anagrafi, superando molte problematiche come quella relativa ai caratteri diacritici. Sono, altresì, in corso di definizione Convenzioni ad hoc con le Pubbliche Amministrazioni ed Enti centrali, nonché con le Regioni per l'integrazione dei propri sistemi con la nuova modalità di colloquio XML SAIA v.2, al fine di consentire la circolarità dei dati anagrafici comunali sul nuovo canale sicuro, come previsto dal Regolamento di Gestione dell'INA, pubblicato sulla G.U. n. 273 del 23 novembre 2005. Si comunica, inoltre, che l'Amministrazione ha in programma lo svolgimento di nuovi Corsi di formazione per i Dirigenti delle Prefetture e gli operatori dei Servizi Demografici, inerenti, l'emissione della Cie , i Sistemi INA-SAIA, la Sicurezza dei Sistemi. Tale ultimo argomento, di grande interesse a livello nazionale ed internazionale, sarà affrontato con il preciso scopo di contribuire alla divulgazione della cultura della Sicurezza informatica, ma anche per sensibilizzare le Amministrazioni regionali sulla adozione di iniziative conseguenti nel campo della formazione, che, grazie al possibile finanziamento con i predetti fondi europei, possono essere portate a compimento nel caso di scarsità di risorse proprie. Di tali programmi verranno, comunque, informati i citati gruppi di lavoro, affinché contribuiscano a svolgere le azioni più utili per la diffusione dei predetti sistemi. Si confida nella consueta collaborazione e si resta in attesa di riscontro in ordine alle iniziative intraprese. Il DIRETTORE CENTRALE (Ciclosi) ......