COMPARTECIPAZIONE IRPEF 2006



(continua a leggere)


COOPERAZIONE TRA IL COMUNE E LE AGENZIE DELLE ENTRATE E DEL TERRITORIO



































































































COMPARTECIPAZIONE AL GETTITO IRPEF PER L'ANNO 2006 COMPARTECIPAZIONE AL GETTITO IRPEF PER L'ANNO 2006 IMPORTANTE LEGGERE PRIMA DI CONSULTARE I DATI Determinazione della quota di compartecipazione: Come previsto dall'art. 31 comma 8 della legge 27 dicembre 2002 n. 289, l'aliquota di compartecipazione dei comuni al gettito dell'IRPEF di cui all'articolo 67, comma 3 della legge 23 dicembre 2000, n. 388 come sostituito dall'articolo 25, comma 5, della legge 28 dicembre 2001, n. 448, dall'anno 2003 è stabilita nella misura del 6,5 per cento. Inoltre lo stesso articolo ha istituito dall'anno 2003 la compartecipazione al gettito dell'IRPEF nella misura dell'1 per cento anche per le province. Il gettito della compartecipazione è ripartito ai comuni e alle province sulla base dei dati statistici più recenti forniti dal Ministero dell'economia e delle finanze. Questo Ministero ha determinato la quota di compartecipazione IRPEF spettante a comuni e province per l'anno 2006 in base ai dati relativi al gettito IRPEF dell'anno 2002, trasmessi dal Ministero dell'economia e delle finanze, riferiti a ciascun comune e a tutti i comuni appartenenti ad una stessa provincia. Modalità di erogazione: Come previsto dal decreto del Ministro dell'interno, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze del 21 febbraio 2002, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 7 marzo 2002, la quota di compartecipazione al gettito dell'IRPEF per l'anno in corso viene erogata in due rate, la prima entro il mese di marzo e la seconda entro il mese di luglio. Riflessi sui trasferimenti erariali: Come previsto dal citato articolo 25 della legge n. 448 del 2001 recante una parziale modifica all'articolo 67 della legge n. 388 del 2000 la quota di compartecipazione è attribuita nei limiti dei trasferimenti erariali spettanti, i quali vengono decurtati dell'ammontare della quota. La decurtazione è effettuata prioritariamente sui trasferimenti correnti e solo in caso di insufficienza di questi viene effettuata sui trasferimenti ad altro titolo spettanti. ......