CONSERVAZIONE CARTELLINI CARTE DI IDENTITÀ



(continua a leggere)


Aire:trasmissione informatizzata dei dati



































































































Ministero dell'Interno Ministero dell'Interno Dipartimento per gli Affari interni e territoriali Direzione Centrale per i Servizi Demografici Prot. n. 02003063-15100/4571 Roma, 21 maggio 2002 AI SIGG. PREFETTI L O R O S E D I AL SIG. COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA PROVINCIA DI T R E N T O AL SIG. COMMISSARIO DEL GOVERNO PER LA PROVINCIA DI B O L Z A N O AL SIG. PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DELLA VALLE D'AOSTA A O S T A e, per conoscenza: AL COMMISSARI DELLO STATO PER LA REGIONE S I C I L I A - AL RAPPRESENTANTE DEL GOVERNO PER LA REGIONE S A R D E G N A - AL GABINETTO DEL SIG. MINISTRO S E D E - ALL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE DEI COMUNI D'ITALIA Via dei Prefetti, 46 00186 R O M A - ALL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE UFFICIALI DI STATO CIVILE E DI ANAGRAFE Via dei Mille, 35 E/F 40024 CASTEL SAN PIETRO TERME (BO) - ALLA DEA - Demografici Associati - Presso Amministrazione Comunale - Viale Comaschi n. 1160 56021 CASCINA (PI) CIRCOLARE TELEGRAFICA n. 10 (2002) OGGETTO: Vigilanza e custodia delle carte d'identità e dei relativi cartellini. Continuano a pervenire numerose segnalazioni di furti di modelli di carte di identità in bianco e di cartellini relativi a documenti già rilasciati, commessi ai danni degli uffici comunali. Il fenomeno, che comporta disagi ed oneri per i cittadini titolari dei documenti e le amministrazioni comunali costrette a sostituirli, desta preoccupazioni per il collegamento con disegni criminosi mirati alla confezione di documenti falsi. Ciò premesso, si rende necessario richiamare nuovamente l'attenzione dei Sigg.ri Sindaci sull'assoluta necessità di adottare ogni opportuno accorgimento per una idonea conservazione non solo dei modelli delle carte d'identità in bianco ivi compresi quelli elettronici eventualmente in possesso, ma, altresì, dei cartellini custoditi negli archivi anagrafici. A tal fine, si rammenta che il materiale in questione dovrà essere custodito in appositi armadi posti in locali non accessibili al pubblico e controllati direttamente dagli operatori, evitando, nel modo più assoluto, l'accumulo di tali documenti, in particolare dei cartellini d'identità, in modo disordinato e facilmente asportabile. Al riguardo, torna utile richiamare il contenuto della circolare emessa il 19 maggio 1978 dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza - di cui ad ogni buon fine si allega copia - le cui raccomandazione sono da ritenersi tuttora valide. Si pregano le SS.LL. di voler partecipare il contenuto del presente documento ai Sigg.ri Sindaci e, di voler verificare che siano stati adottati tutti gli opportuni accorgimenti per garantire la tutela dei documenti in questione, mediante l'attività ispettiva di competenza. IL DIRETTORE CENTRALE (Ciclosi) DQ/ag210-A   ......