DEBITO FUORI BILANCIO PER INCARICO PROFESSIONALE



(continua a leggere)


Concessione di beni demaniali



































































































SEZIONE SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE SECONDA APPELLO Sentenza 384 2011 Responsabilità 27-07-2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI II SEZIONE GIURISDIZIONALE CENTRALE D'APPELLO composta dai seguenti magistrati: dott. Stefano Imperiali                           Presidente f.f. dott. Mario Pischedda                            Consigliere dott. Josef Hermann Rössler                 Consigliere relatore     dott. Angela Silveri                               Consigliere dott. Manuela Arrigucci                          Consigliere          Uditi nella camera di consiglio del 13.1.2011 il consigliere relatore dott. Josef Hermann Rössler, il rappresentante del pubblico ministero V.P.G. Amedeo Federici e l’avv. Paolo Pascazi  per l’appellato, ha pronunciato la seguente SENTENZA nel giudizio d'appello iscritto al n. 23587 del registro di segreteria proposto dal Procuratore regionale presso la Sezione giurisdizionale per l’Abruzzo con atto notificato in data 15.6.2005, nei confronti di Francesco Ciriaco Antonio Truscelli, rappresentato e difeso dall'avv. Paolo Pascazi ed elettivamente domiciliato in Roma, via Cicerone n. 44, avverso la sentenza della Sezione giurisdizionale per la Regione Abruzzo n.379/2005 depositata in data 13.4.2005.          Ritenuto in 0 0 0 FATTO La fattispecie di danno indiretto di cui è causa trae origine dalla sentenza del Tribunale civile di Teramo n.134/2002, con la quale il Comune di Alba Adriatica è stato condannato a pagare all'architetto Pier Luigi Lunghi la somma complessiva di € 13.022,28, oltre interessi legali dal 18.12.1996 al saldo per l'opera professionale da costui svolta, nonché a rifondere allo stesso le spese legali nella misura di € 3.420,58. Infatti, con delibera 258 del 24.5.1994 il predetto architetto Lunghi era stato incaricato di svolgere le incombenze di capo sezione dell'ufficio tecnico comunale in materia di pratiche edilizie con una retribuzione commisurata al compenso per le ore straordinarie previsto per la settima qualifica funzionale, oltre al rimborso delle spese di viaggio essendo il medesimo professionista già dipendente del Comune di Martinsicuro, il quale aveva già espresso il suo consenso. Con successiva delibera 594 del 6.11.1994 l'incarico in questione è stato prorogato fino al 31.12.1994, stabilendosi che il professionista sarebbe stato retribuito dal Comune di Alba Adriatica in relazione agli specifici incarichi professionali deliberati di volta in volta dall'amministrazione e con una riduzione degli onorari in misura non inferiore al 50%. L'architetto Lunghi ha svolto, quindi, le prestazioni professionali consistenti nella progettazione, direzione lavori, contabilità delle seguenti opere pubbliche: 1) programma di manutenzione e di adeguamento della rete pubblica illuminazione comunale; 2) interventi di straordinaria manutenzione presso la palestra comunale di via Olimpica; 3) impegno di spesa per la realizzazione di lavori sul lungomare Marconi; 4) canalizzazione delle acque bianche; 6) sistemazione dell'area adiacente la Chiesa di Santa Maria Immacolata, come emerge dalle ordinanze sindacali n.3 del 19.1.1995 e n. 28 del 29.3.1995, nonché dalle delibere di giunta comunale 744 del 30.12.1994 n.31, dell'8.2.1995, n.495 del 12.9.1994, con le quali sono stati approvati i relativi lavori pubblici, chiedendo il pagamento dei relativi compensi. Sennonché, l'amministrazione comunale in carica non ha adempiuto alla richiesta di pagamento dal momento che alcune prestazioni eseguite dal professionista incaricato risultavano essere state svolte senza un formale incarico ed una preventiva adozione dei relativi impegni di spesa. Ne sono conseguite la sentenza di condanna del Tribunale di Teramo adito dall'arch. Pier Luigi Lunghi e successivamente l’ins......