DEPURAZIONE INATTIVA: I CORRISPETTIVI INCASSATI SONO FUORI CAMPO IVA?



(continua a leggere)


Vincoli paesistici: i limiti di intervento del ministero



































































































Risoluzione del 09/07/2002 n Risoluzione del 09/07/2002 n. 222  Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa e Contenzioso     Oggetto:Corrispettivi  per   il   servizio  di  depurazione  delle  acque  reflue incassati  ai  sensi  dell'articolo    14,   comma  1,   della  legge   5 gennaio  1994,  n.  36.                                                  Trattamento fiscale.Sintesi:La risoluzione  fornisce  chiarimenti  in  ordine al trattamento tributario ai fini dell'imposta  sul  valore  aggiunto  e  delle  imposte  sui redditi delle quote di  tariffa  incassate,  ai sensi dell'articolo 14, comma 1, della legge 5 gennaio 1994, n.36, precisando che:                                                                                                                          -gli stessi   sono   parte   integrante   della  "tariffa  di  fognatura  e    depurazione" e   costituiscono  corrispettivi   da   assoggettare  ad    imposta sul  valore  aggiunto  ad  aliquota  ridotta  del  10 per cento, ai    sensi del  n.127-  sexiesdecies)  della  Tabella  A, parte III, allegata al    D.P.R. n. 633 del 1972;                                                                                                                                     -i corrispettivi  costituiscono  ricavi  che concorrono, ex articolo 53 del    Tuir, alla formazione del reddito d'impresa.                                Testo:          Con la  nota  sopra  indicata XX S.p.A. (di seguito "azienda") ci ha richiesto chiarimenti   in   merito  al  trattamento  da  riservare,  ai  fini dell'applicazione dell'Iva   e   delle   imposte   dirette,  ai  corrispettivi incassati, ai  sensi  dell'articolo  14,  comma 1, della legge 5 gennaio 1994, n. 36,  per  il  servizio  di  fognatura e depurazione in situazioni locali di impianti di depurazione carenti ovvero inattivi.                                                                                                                   Quesito                                                                       Si richiede,   in  particolare,  di  precisare  se,  nelle  circostanze citate, in  mancanza  di  una  controprestazione  a  carico dell'azienda, tali corrispettivi siano da considerare fuori del campo di applicazione dell'Iva.          Per quanto  concerne  l'imposizione  diretta, la destinazione vincolata dei fondi  incassati  fa  sorgere  dubbi,  in  merito alla loro qualificazione contabile, all'azienda   istante,   la   quale  ipotizza  la  possibilita'  di assimilarli ai contributi in conto impianti.                                                                                                                       Interpretazione                                                               In via   preliminare,   si   ritiene  opportuno  far  riferimento  alle istruzioni fornite  con  la  circolare n. 177 del 5 ottobre 2000 in materia di canoni relativi  alla  raccolta,  allontanamento,  depurazione e scarico delle acque.                                                                               In tale  documento  di  prassi  si  e'  precisato che, con decorrenza 1 gennaio 1999,  con  l'entrata in vigore delle disposizioni di cui all'articolo 31, comma  28,  della legge 23 dicembre 1998, n. 448, la tariffa per i servizi di fognatura  e  depurazione  non  ha piu' natura tributaria, ma assume quella di corrispettivo.                                                                    Il comma  30  del  citato  articolo  31 della legge n. 448 del 1998 ha, inoltre, modificato  il  decreto  del  Presidente  della Repubblica 26 ottobre 1972, n.  633,  includendo l'attivita' di erogazione di servizi di fognatura e depurazione fra  le  attivita' commerciali di cui all'articolo 4, quinto comma dello stesso decreto.                                                                In tal  modo,  a  partire  dal  1   gennaio  1999,  sussistendo  sia il presupposto soggettivo  sia  quello  oggettivo,  i corrispettivi versati per i servizi di  fognatura  e  di  d......