DESTITUZIONE AUTOMATICA DEL DIPENDENTE PUBBLICO



(continua a leggere)


L'impresa applatatrice può prendere visione delle relazioni tecniche



































































































N N.6669/2002 Reg. Dec. N. 2140 Reg. Ric. Anno: 1999 R  E  P  U  B  B  L  I  C  A     I  T  A  L  I  A  N  A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente D E C I S I O N E sul ricorso iscritto al NRG 2140/1999 proposto dal Ministero delle finanze – Dipartimento Dogane UTF di Pescara - in persona del Ministro pro tempore, rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato ex lege domiciliato presso quest'ultima in Roma, via dei Portoghesi n. 12; contro Ariano Franco, rappresentato e difeso dall'avvocato Giuliano Milia, elettivamente domiciliato in Roma, via Baiamonti n. 4, presso lo studio dell’avvocato O. Bisazza Terracini; per l'annullamento della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale per l’Abruzzo – sezione staccata di Pescara - n. 206 del 24 febbraio 1998. Visto il ricorso in appello; visto l'atto di costituzione in giudizio di Franco Ariano; vista la memoria prodotta dalla parte appellata a sostegno delle proprie difese; visti gli atti tutti della causa; data per letta alla pubblica udienza del 29 ottobre 2002 la relazione del consigliere Vito Poli, udito l'avvocato Basilica dell'Avvocatura Generale dello Stato; ritenuto e considerato quanto segue: FATTO e DIRITTO 1.  Con provvedimento dell’Intendente di finanza della provincia di Pescara – prot. N. 16\Ris. – del 18 aprile 1989, veniva sospeso obbligatoriamente dal servizio con decorrenza 2 aprile 1989, a mente dell’art. 91, comma 1, t.u. imp. civ. st.,  l’ingegner Franco Ariano, perché tratto in arresto per il reato di omicidio volontario. 2.  Con sentenza della Corte di Assise di Appello de l’Aquila – n.  4 del 9 maggio 1990, divenuta irrevocabile il successivo 6 novembre a seguito del rigetto del ricorso in cassazione (cfr. sez. I, penale,  n. 3752 del 23 novembre 1990), l’Ariano, riconosciuto colpevole dei reati di omicidio, tentato omicidio e porto abusivo di arma da fuoco, veniva condannato: a) alla pena principale di anni otto di reclusione e lire 266.666 di ......