DIRITTI DI SEGRETERIA AI VICE-SEGRETARI



(continua a leggere)


TASSO D'INTERESSE PER RITARDATI VERSAMENTI CONTRIBUTIVI



































































































Oggetto: quesito in materia di compensi per diritti di segreteria ai dirigenti incaricati delle funzioni di Vice-segretario Oggetto: quesito in materia di compensi per diritti di segreteria ai dirigenti incaricati delle funzioni di Vice-segretario. Si fa riferimento alla nota del __________, acquisita in ricezione al prot. n. __________in data_______, con cui il Dirigente del Comune in indirizzo, con accenno all’art. 25 del C.C.N.L. Area Dirigenza Regioni ed Autonomie Locali titolato -incarico di vicesegretario- che recita …”ai dirigenti incaricati delle funzioni di vice-segretario, secondo l’ordinamento vigente, sono corrisposti i compensi per diritti di segreteria (di cui all’art. 21 del D.P.R. 4 dicembre 1997, n. 465) per gli adempimenti posti in essere nei periodi di assenza o di impedimento del segretario comunale e provinciale titolare della relativa funzione”, richiedeva il parere in merito ai seguenti punti:  componente stipendiale da prendere inØ considerazione di cui alla previsione del limite di un terzo della retribuzione percepita, quale tetto massimo del compenso spettante per i diritti di segreteria, per le figure di Segretario comunale e Vice segretario;  tempiØ di decorrenza ed applicazione del C.C.N.L. Area Dirigenza Regioni ed Autonomie Locali, stipulato in data 22 febbraio 2006, in ordine alla riscossione dei diritti di rogito a favore del Vice segretario. Si premette che, come già previsto dal comma 69 dell’art. 17 della legge 15 maggio 1997, n. 127, il comma 5 dell’art. 97 del decr. leg. n. 267/2000 si limita a ripetere che la competenza a prevedere o meno l’esistenza del vice segretario per coadiuvare il segretario e sostituirlo nei casi di vacanza, assenza o impedimento, è assegnata al regolamento degli uffici e dei servizi. Si porta a conoscenza che, il nuovo C.C.N.L. del personale del comparto delle Regioni e delle Autonomie Locali, siglato in data 09 maggio 2006, di cui al Titolo II –disposizioni particolari, art. 11 –incarico di vicesegretario- disciplina la materia in questione ai comma di seguito riportati: 2. la percentuale di 1/3 dello stipendio in godimento del segretario, prevista dall’art. 41, 4 comma, della legge n. 312/1980, costituisce l’importo massimo che può essere erogato dall’ente a titolo di diritti di rogito e quindi il massimo teorico onere finanziario per l’ente medesimo; tale limite è sempre unico a prescindere dal numero dei soggetti beneficiari; 3. la percentuale di 1/3 dello stipendio, di cui all’art. 41, comma 4, della legge n. 312/1980, deve essere individuata in relazione al periodo di effettiva sostituzione e non con riferimento allo stipendio teorico annuale del vicesegretario. Infine, in relazione al secondo interrogativo in questione, ferme restando le disposizioni particolari che disciplinano l’erogazione dei compensi per diritti di rogito di cui all’art. 11 sopra citato, si evidenzia che il nuovo C.C.N.L. Area Dirigenza Regioni ed Autonomie Locali, in vigore dal giorno successivo al 22 febbraio 2006, data in cui è stato siglato dalle parti rappresentanti, concerne il periodo 01/01/2002 – 31/12/2005, per la parte normativa, ed è valido dallo 01/01/2002 al 31/12/2003, per la parte economica, di cui all’art. 2, comma 1.   ......