DIVIETO DI DISTRIBUZIONE VOLANTINI: ILLEGITTIMO



(continua a leggere)


ANCORA SUL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DEI CONSIGLIERI COMUNALI



































































































REPUBBLICA ITALIANA       REPUBBLICA  ITALIANA   TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA LECCE   SECONDA SEZIONE    Registro Dec.:   478/07                                                                             Registro Generale:           1897/2006     nelle persone dei Signori: ANTONIO CAVALLARI Presidente  GIULIO CASTRIOTA SCANDERBEG Primo Ref. PATRIZIA MORO Ref. , relatore   ha pronunciato la seguente   SENTENZA     Visto il ricorso 1897/2006  proposto da: SRL GUITARSLAND   rappresentata e difesa da: CAPRIOLI LUCIO CAPRIOLI VINCENZO con domicilio eletto in LECCE VIA LUIGI SCARAMBONE, 56 presso CAPRIOLI LUCIO    contro   COMUNE DI ALEZIO rappresentato e difeso da: ANNA ESPOSITO con domicilio in Lecce VIA FLASCASSOVITTI,51 presso ANTONIO CONTE   per l'annullamento, previa sospensione dell'esecuzione, -          della ordinanza n.18/06 che il Sindaco di Alezio ha pronunciato il 26 giugno 2006, con la quale il Sindaco ordina “il divieto assoluto di qualsiasi forma di distribuzione di volantini pubblicitari e pieghevoli di carattere commerciale su tutto il territorio comunale…”e con la quale si dispongono sanzioni per le aziende “reclamizzate”.   Visto il ricorso con i relativi allegati;   Visti gli atti tutti della causa;   Vista la domanda di sospensione della esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dal ricorrente;   Visto l'atto di costituzione in giudizio di:   COMUNE DI ALEZIO   Udito, nella Camera di Consiglio del 31 gennaio 2007, il relatore Ref. PATRIZIA MORO e uditi gli avv.ti Vincenzo Caprioli e Giuseppe Brischetto, quest’ultimo in sostituzione dell’avv.to Anna Esposito;       Considerato che nel ricorso sono dedotti i seguenti motivi: -          Difetto assoluto di potere; -          Mancanza di motivazione; -          Difetto e, allo stesso tempo, eccesso di potere: l’ambito di applicazione delle norme di cui al d.lgs. 507/1993; -          Sviamento di potere, disparità di trattamento.         Considerato che deve in primo luogo respingersi l’eccezione di intempestività del ricorso, sollevata dalla difesa civica in considerazione della circostanza che l’ordinanza impugnata avrebbe come presupposto il Regolamento Comunale per la disciplina della Pubblicità e delle Pubbliche Affissioni, di cui alle delibere di C.C datate 27.6.94 e 11.6.01., non risultando le delibere suindicate lesive nei confronti della società ricorrente, sia perche le stesse sono assimilabili alla categoria degli atti generali  non aventi efficacia lesiva se non con il relativo atto applicativo, sia perché, comunque, le stesse non  risultano disporre alcun divieto in ordine al sistema di pubblicità seguito dal ricorrente (distribuzione domiciliare mediante recapito di depliant nelle cassette postali delle singole abitazioni) con la conseguente non configurabilità delle stesse a presupposto dell’atto impugnato; ritenuto che il ricorso deb......