ESENZIONI IVA



(continua a leggere)


SOFTWARE PER COMUNICAZIONE DIA



































































































Circolare del 23/01/2007 n Circolare del 23/01/2007 n. 3  Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto:Contenzioso su  istanze  di  rimborso  IVA  -  Acquisto  di  beni destinati adattivita' esenti  -  Articolo  13,  parte  B,  lettera  c), della Direttiva n.77/388/CEE(Documento in fase di trattamento redazionale.)Testo:                                                                                    1.  PREMESSA                                                                  2. Negli  ultimi  tempi  sono  sorte  numerose controversie instaurate a         seguito di  rifiuto  espresso  o tacito di rimborso dell'IVA relativa         agli acquisti   di   beni  e  servizi  effettuati  nell'esercizio  di         attivita' esenti.                                                          3. In  particolare  le  istanze di rimborso ed i successivi ricorsi sono         stati proposti   assumendo   che   non  sarebbe  stato  correttamente         recepito dal  legislatore  nazionale  l'articolo 13, parte B, lettera         c), della   Direttiva   n.   77/388/CEE,   che   prevede  l'esenzione         dall'imposta sul  valore  aggiunto delle "forniture di beni destinati         esclusivamente ad   un'attivita'   esentata   a  norma  del  presente         articolo o  a  norma  dell'articolo  28, paragrafo 3, lettera b), ove         questi beni  non  abbiano  formato oggetto di un diritto a deduzione,         e le  forniture  di  beni il cui acquisto o la cui destinazione erano         stati esclusi   dal   diritto   alla   deduzione  conformemente  alle         disposizioni dell'articolo 17, paragrafo 6;".                              4. Secondo  i  ricorrenti,  la predetta disposizione comunitaria avrebbe         dovuto essere  interpretata  nel  senso  che dovevano essere esentati         da IVA  tutti  gli  acquisti  di  beni  effettuati da un soggetto che         pone in  essere  operazioni  esenti,  con  conseguente  richiesta del         rimborso dell'IVA  "erroneamente"  applicata sugli acquisti e che non         poteva essere  detratta  dai clienti, in genere operatori del settore         sanitario (medici,   cliniche,   ecc.)   a   causa  del  pro-rata  di         indetraibilita' totale.                                                    5. In  alcune  delle  controversie  instaurate, i giudici hanno ritenuto         opportuno sospendere  i  giudizi  e rimettere alla Corte di Giustizia         europea la  questione  sulla esatta interpretazione dell'articolo 13,         parte B, lettera c), della VI Direttiva IVA.                               6. Occorre   innanzi  tutto  premettere  che  dal  1   gennaio  2007  la         Direttiva n.  77/388/CEE  (VI  direttiva  IVA)  e'  stata  sostituita         dalla Direttiva   n.  2006/112/CE,  nella  quale,  all'articolo  136,         lettera a),  la  nuova  redazione  della  disposizione gia' contenuta         nell'art. 13  in  questione,  e'  tale  da  non  concedere piu' alcun         dubbio interpretativo.  Per  questo  motivo,  la  presente  circolare         deve intendersi   operante   per   le   controversie  instaurate  con         riferimento alla  precedente  stesura  fino alla data del 31 dicembre         2006.                                    ......