FINANZIAMENTO DEI DEBITI FUORI BILANCIO



(continua a leggere)


FONDI PER LIBRI DI TESTO 2007/2008



































































































Deliberazione n Deliberazione n. 20/2007/G   REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale del controllo per l’Emilia - Romagna composta dai Magistrati dr. Mario Donno Presidente dr. Carlo Coscioni Consigliere dr.ssa Rosa Fruguglietti Lomastro Consigliere dr. Attilio Puglisi Consigliere dr.ssa Maria Teresa D’Urso Referendario Visto l’art.100, comma 2, della Costituzione, Visto il testo unico delle leggi sulla Corte dei conti, approvato con R.D. 12 luglio 1934, n. 1214 e successive modificazioni; Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20, recante disposizioni in materia di giurisdizione e controllo della Corte dei conti; Visto il regolamento per l’organizzazione delle funzioni di controllo della Corte dei conti approvato con deliberazione n. 14/2000 delle Sezioni riunite della Corte dei conti in data 16 giugno 2000, successivamente modificato con deliberazione delle Sezioni riunite n. 2 del 3 luglio 2003; Visto il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, recante il testo unico delle leggi sugli enti locali e successive modificazioni; Vista la legge 5 giugno 2003, n. 131, recante disposizioni per l’adeguamento dell’ordinamento della Repubblica alla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3; Visto l’art. 1, commi 166 e seguenti della legge 23 dicembre 2005, n. 266 (legge finanziaria 2006), che fa obbligo agli organi di revisione degli enti locali di inviare alle Sezioni regionali di controllo della Corte dei conti relazioni apposite in ordine ai bilanci preventivi  e ai rendiconti degli enti; Viste le linee-guida predisposte dalla Corte dei conti per la redazione delle relazioni inerenti al consuntivo 2005, approvate dalla Sezione delle Autonomie con deliberazione n. 11 del 7 luglio 2006; Considerato che dette linee-guida ed il questionario relativo al consuntivo 2005 sono stati trasmessi ai Sindaci ed agli Organi di revisione economico-finanziaria degli gli enti locali interessati, con lettera presidenziale di questa Sezione regionale di controllo prot. n.1815/Linee Guida/Com. del 15 settembre 2006; Presa visione della relazione inoltrata a questa Sezione regionale di Controllo della Corte dei Conti predisposta dall’ organo di revisione  del Comune di Verucchio (RN); Considerate le richieste di chiarimenti istruttori  e le risposte dell’Ente locale e dell’organo di revisione; Vista l’ordinanza presidenziale n. 8 in data 23 marzo 2007 con la quale è stata convocata la Sezione per la Camera di consiglio del 3 aprile 2007; Udito nella Camera di consiglio del 3 aprile 2007 il magistrato relatore Referendario Maria Teresa D’urso; FATTO Ai sensi delle disposizioni introdotte dalla legge finanziaria 2006 (art.1, commi 166 e seguenti), gli organi di revisione degli enti locali devono trasmettere alla Corte dei Conti apposite relazioni sui bilanci preventivi e rendiconti degli enti stessi; le Sezioni regionali di controllo della Corte, qualora accertino comportamenti difformi dalla sana gestione finanziaria o il mancato rispetto degli obiettivi posti dal patto di stabilità interno, adottano specifica pronuncia e vigilano sull’adozione da parte dell’ente locale delle necessarie misure correttive. Dalla relazione dell’organo di revisione risulta che il Comune di Verucchio ha provveduto al riconoscimento di debiti fuori bilancio per euro 1.133.804,00 di parte corrente, prevedendo, al fine di ripianare detto debito, l’alienazione della pinacoteca comunale alla Provincia di Rimini. Tuttavia, - continua la relazione -  considerando che trattasi di sentenza “esecutiva ma non ancora passata in giudicato” e che è in corso l’iter burocratico per ottenere per la pinacoteca la dichiarazione di bene di interesse storico – artistico ai sensi dell’art. 10, comma 1 e art.12 del D.Lgs. 22 gennaio 2004, n.42 ,  “….l’Ente ha ritenuto opportuno non assumere l’impegno di spesa né provvedere all’accertamento in entrata per l’anno 2005. Per il 2006 l’Ente ha riproposto l’iscrizione in bilancio della somma corrispondente al debito in entrata e nella spesa, rinviando l’accertamento dell’entrata ed il conseguente impegno di spesa al momento di perfezionamento del trasferimento dell’immobile.”. L’ Ente, ottemperando prontamente alle richieste istruttorie, ha trasmesso la deliberazione del 28.9.2005, in cui il Consiglio Comunale di Verucchio, preso atto del rigetto dell'istanza di sospensione dell'efficacia esecutiva della sentenza appellata ,  ha deliberato: “…..1. di riconoscere il debito fuori bilancio originato dalla  sentenza del tribunale di Rimini Sezione Stralcio N. 132/2005, pronunciata in data 3/03/2004, depositata i......