GARE: TEMPI RISTRETTI PER OTTENERE CHIARIMENTI DAI CONCORRENTI



(continua a leggere)


APPALTO GESTIONE CALORE SENZA OBBLIGO DI GARA



































































































REPUBBLICA ITALIANA     REPUBBLICA  ITALIANA   IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA TOSCANA FIRENZE   PRIMA   SEZIONE   Registro Ordinanze:912/2005                                                 Registro Generale:                        1740/2005     nelle persone dei Signori:   GIOVANNI VACIRCA Presidente   SAVERIO ROMANO Cons. , relatore BERNARDO MASSARI Cons.   ha pronunciato la seguente   ORDINANZA   nella Camera di Consiglio  del 08 Novembre 2005   Visto il ricorso 1740/2005  proposto da: SOC. LAEZZA S.P.A. E SOC. CAF CENTRO ARREDAMENTI E FORNITURE   rappresentate e difese da: LIMBERTI LEONARDO con domicilio eletto in FIRENZE VIA LORENZO IL MAGNIFICO N. 83 presso LIMBERTI LEONARDO     contro   AZIENDA REGIONALE DIRITTO ALLO STUDIO UNIVERSITARIO FIRENZE rappresentato e difeso da: FELLI NICOLETTA con domicilio eletto in FIRENZE VIA DELLE MANTELLATE N. 8 presso la sua sede   e nei confronti di SOC. CIR S.R.L.   rappresentato e difeso da: DE LUCA PIETRO con domicilio eletto in FIRENZE VIA DELLE MANTELLATE N. 8 presso DI PASSIO IACOPO   e nei confronti di SOC. DORMOSAN S.R.L. rappresentato e difeso da: DE LUCA PIETRO con domicilio eletto in FIRENZE VIA DELLE MANTELLATE N. 8 presso DI PASSIO IACOPO   per l'annullamento, previa sospensione dell’esecuzione -della nota del 1.7.2005 con cui è stato concesso al RTI oggi  ricorrente il termine di due ore per fornire chiarimenti in merito all' offerta tecnica presentata ; - del provvedimento di cui al verbale di gara del 1.07 05, con cui è stata disposta l'esclusione dalla gara; -del verbale di gara del 06.07.2005 con cui è stata disposta l'aggiudicazione provvisoria dell' appalto in questione; - della Determinazione del Dirigente Area Amministrazione n. 245 del 20.09.2005 con  il quale è stata disposta l'aggiudicazione definitiva dell' appalto; - della nota del 05.10 2005 con la quale è stata comunicata al RTI Laezza Caf la non ammissione dello stesso alla gara indetta dall' ARDSU di Firenze, nonché l' aggiudicazione dell' appalto de quo; - di ogni alto atto presuppost6o, consequenziale o comunque connesso, ancorché incognito alla ricorrente ed in particolare - per quanto occorrer possa, ed in relazione alle censure proposte con il II° motivo di ricorso- del bando di gara e del disciplinare di gara; nonché per la declaratoria di inefficacia del contratto, eventualmente stipulato per effetto della disposta aggiudicazione, per illiceità della causa, o comunque per contrarietà a norme imperative, o, comunque, per sopravvenuto difetto di legittimazione a contrarre;                                                 nonché per la condanna  dell' Azienda regionale per il Diritto allo studio Universitario di Firenze, al risarcimento  in forma specifica nei confronti delle società ricorrenti, consistente nella riammissione alla gara, de qua, e nella conseguente aggiudicazione alle stesse dell' appalto in questione, ovvero, in subordine, al risarcimento per equivalente del danno ingiusto patito e/o patiendo dalle società ricorrenti in relazione ai provvedimenti impugnati ed al comportamento gravemente colposo e negligente tenuto dall' Amministrazione medesima, nella misura che ci si riserva di quantificare in corso di causa, o comunque in quella che sarà ritenuta di giustizia.     Visti gli atti e i documenti depositati con il ricorso; Vista la domanda di sospensione della esecuzione del provvedimento impugnato, presentata in via incidentale dal ricorrente; Visto l'atto di costituzione in giudizio di: