INCOSTITUZIONALE IL BLOCCO DEL TURN OVER 2003 E 2004



(continua a leggere)


GIURISDIZIONE IN MATERIA DI APPALTI



































































































SENTENZA N SENTENZA N.390   ANNO 2004   REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE   composta dai signori:   -  Valerio                                  ONIDA                                      Presidente -  Carlo                                    MEZZANOTTE                           Giudice -  Fernanda                             CONTRI                                                “ -  Guido                                   NEPPI MODONA                                  “ -  Piero Alberto                        CAPOTOSTI                                        “ -  Franco                                  BILE                                                     “ -  Giovanni Maria               FLICK                                       “ -  Francesco                 AMIRANTE                                            “ -  Ugo                          DE SIERVO                                                “ -  Romano                                VACCARELLA                               “ -  Paolo                                    MADDALENA                                 “ -  Alfio                          FINOCCHIARO                               “ -  Alfonso                                 QUARANTA                                          “ -  Franco                                  GALLO                                           “ ha pronunciato la seguente   SENTENZA   nei giudizi di legittimità costituzionale dell'articolo 34 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato –legge finanziaria del 2003), e dell'articolo 3, commi 53-55, 58, 60, 61 e 65, della legge 24 dicembre 2003, n. 350 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – legge finanziaria del 2004), promossi con ricorsi della Regione Marche (2 ricorsi), della Regione Toscana (2 ricorsi), della Regione Piemonte, della Regione Valle d'Aosta, della Regione Campania, della Regione Umbria, della Regione Emilia-Romagna (2 ricorsi) e della Regione Veneto, notificati il 25, il 26, il 28 febbraio ed il 1° marzo 2003, il 24 ed il 26 febbraio 2004, depositati in cancelleria il 4, il 5 ed il 7 marzo 2003, il 3 ed il 4 marzo 2004 ed iscritti ai numeri 14, 15, 18, 19, 21, 22, 25 e 26 del registro ricorsi 2003 ed ai numeri 31, 32 e 33, del registro ricorsi 2004.               Visti gli atti di costituzione del Presidente del Consiglio dei ministri;               udito nell'udienza pubblica del 28 settembre 2004 il Giudice relatore Romano Vaccarella;             uditi gli avvocati Stefano Grassi per la Regione Marche, Lucia Bora e Fabio Lorenzoni per la Regione Toscana, Gabriele Pafundi per la Regione Piemonte, Vincenzo Cocozza per la Regione Campania, Giovanni Tarantini per la Regione Umbria, Giandomenico Falcon e Franco Mastragostino per la Regione Emilia-Romagna, Mario Bertolissi per la Regione Veneto, Giuseppe Ferrari per la Regione autonoma Valle d'Aosta e l'avvocato dello Stato Giancarlo Mandò per il Presidente del Consiglio dei ministri. Ritenuto in fatto