INDICAZIONI DI GARA PER FORNITURA SOFTWARE NON PIU' IN COMMERCIO



(continua a leggere)


OBBLIGO DI DENUNCIA PER ATTIVITA' A RISCHIO DI DANNO ERARIALE



































































































REPUBBLICA ITALIANA REPUBBLICA ITALIANA                              N. 5181/05        REG.DEC.                IN NOME DEL POPOLO ITALIANO                                  N. 5789 REG.RIC. Il  Consiglio  di  Stato  in  sede  giurisdizionale,   Quinta  Sezione          ANNO 2004 ha pronunciato la seguente decisione sul ricorso in appello n.5789 del 2004,  proposto dalle società EXON s.r.l. in persona del legale rappresentante in carica, Roberto Riggetti e STEMAR SERVIZI E SISTEMI s.r.l. in persona del legale rappresentante in carica Vladimir Muzitano Foutes, in proprio e quali componenti del raggruppamento temporaneo d’impresa da esse costituito, rappresentate e difese dagli Avv.ti Giuseppe Cappotti  del Foro di Verona e Carlo Mola del Foro di Roma, con domicilio eletto in Roma, via Timavo n. 3, presso lo studio del secondo; contro la società INFORMATICA TRENTINA s.p.a., in persona del legale rappresentante in carica, Dott. Ivano Dalmonego, rappresentato e difeso dagli Avv.ti Prof. Alberto Romano e Prof. Franco Pellizzer, con domicilio eletto in Roma, Lungotevere Raffaello Sanzio n. 1, presso lo studio del primo ; e nei confronti della Soc. ELETTRODATA s.p.a., non costituita; per la riforma della sentenza del Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa del Trentino Alto Adige – Sede di Trento (dispositivo n. 19/2004 del 29 aprile 2004, pubblicato il 3 maggio 2004 – sentenza n. 324/2004 Reg. Sent.) con cui è stato rigettato il ricorso R.G. n. 81/2004 promosso dagli attuali appellanti ed aventi ad oggetto l’annullamento dell’atto/provvedimento in data 22 dicembre 2003, prot. n. 1110/ac di esclusione dalla gara per la licitazione privata per la stipula di una Convenzione per la fornitura di 3000(tremila) computer comprensivi di dispositivi hardware, software e di servizi opzionali; dei verbali della commissione, dell’eventuale provvedimento di aggiudicazione della predetta gara e se necessario del relativo bando, nonché dei provvedimenti di ammissione delle altre ditte partecipanti.;          Visto il ricorso con i relativi allegati;          Visto l'atto di costituzione in giudizio della soc. ELETTRODATA  s.p.a;          Viste le memorie prodotte dalle parti a sostegno delle rispettive difese;          Visti gli atti tutti della causa;          Relatore, alla pubblica udienza del 10 maggio 2005, il Consigliere Chiarenza Millemaggi Cogliani; uditi!Fine dell'espressione imprevista, altresì, gli Avv. C. Mola e A. Romano!Fine dell'espressione imprevista; Pubblicato il dispositivo n. 291 del 2005          Ritenuto e considerato in fatto e in diritto quanto segue: FATTO    E    DIRITTO          1. Il Tribunale Regionale di Giustizia Amministrativa del Trentino Alto Adige, sede di Trento ha respinto il ricorso proposto dalle attuali appellanti avverso l’esclusione dalla licitazione privata indetta dalla società Informatica Trentina s.p.a. per la stipula di una Convenzione per la fornitura di 3000 computer comprensivi di dispositivi hardware, software e di servizi opzionali e per la condanna della stazione appaltante alla reintegrazione in forma specifica e al risarcimento dei danni, ritenendo infondato l’unico articolato motivo di appello con il quale erano dedotti profili vari di violazione di legge ed eccesso di potere.          Le interessate - le quali avevano presentato domanda di partecipazione  alla gara dichiarando di costituirsi in raggruppamento temporaneo, con EXON s.r.l. capogruppo, ed, essendovi state ammesse, avevano conseguito l’aggiudicazione provvisoria, per avere raggiunto il miglior punteggio finale, ma erano state successivamente escluse dalla gara, con nota prot. n. 11110/ac del 22 dicembre 2003 (oggetto diretto e principale dell’impugnazione)   per avere presentato un’offerta incompleta e parziale – hanno proposto appello, impugnando dapprima il dispositivo della sentenza, ed hanno quindi integrato le proprie difese a seguito del deposito della sentenza,  riproponendo in questa sede le ragioni difensive dedotte in primo grado.          Nel giudizio si è costituita la controinteressata (e non anche la stazione appaltante) resistendo all’impugnazione in rito e nel merito.          La causa è stata portata all’udienza pubblica di discussione del 10 maggio 2005 e trattenuta in decisione.          2. Si può prescindere dalle numerose eccezioni sollevate dalla difesa dell’appellata, essendo l’appello palesemente infondato nel merito.          La controversia si incentra sull’obbligo inderogabile della ditta partecipante alla gara di presentare un’offerta completa in ogni sua parte, in conformità alle condizioni specificate nello schema di convenzione, nel Capitolato tecnico e/o nel disciplinare di gara, secondo quanto discende dalla clausola contenuta nel punto 5 del Disciplinare che espressamente prevede l’esclusione delle offerte contenti eccezioni o riserve o,  comunque, incomplete e/o parziali.          E’ avvenuto che, a fronte del Capitolato tecnico - che espressamente prevedeva (punto 4.2), fra l’altro, che l’aggiudicataria installasse e rendesse operativi sui personal computer base i dispositivi softwarre opzionali (fra i quali “SW Ghost tipo I”, nella versione “Symatntec Ghost 7.5 Corporate Edition”),  e che si impegnasse “a proprie spese ad installare ai personal computer il software per protezione antivirus e/o il software Ghotst”, prodotti che “dovranno agire sia sul singolo personal computer, sia in rete e dovranno essere forniti nella loro ultima versione” – e di uno schema di offerta economica predisposta, nelle singole voci, dalla stessa stazione appaltante, le attuali appellanti hanno invece formulato un’offerta economica che, alla voce relativa al suddetto dispositivo software opzionale (“Symatntec Ghost 7.5 Corporate Edition”), piuttosto che l’indicazione di un prezzo, hanno apposto la dicitura “uscito dalla distribuzione”, mentre dalla generalità delle altre partecipanti il prezzo è stato compiutamente indicato anche per quanto riguarda la componente in questione.          E’ fuori discussione, nella presente controversia, che il prodotto, espressamente indicato nel capitolato e nello schema di offerta economica  predisposti dalla stazione appaltante, non fosse più in distribuzione.          Tuttavia non può essere condivisa la tesi secondo cui tale evenienza rendeva impossibile, per tale limitato profilo, la prestazione richiesta, con ciò stesso esonerando l’offerente dalla formulazione del prezzo.          Invero, in linea di principio, allorché il disciplinare di una pubblica di fornitura preveda l’evoluzione tecnica dei prodotti dedotti in oggetto, obbligando i partecipanti a fornire, nel caso di aggiudicazione, la versione aggiornata del prodotto, l’indicazione puntuale di caratteristiche tecniche, contenuta nel capitolato e, come nella specie, nello schema di offerta economica in cui devono essere indicati i prezzi, non serve ad altro che ad individuare i requisiti minimi del prodotto che sono destinati, comunque, ad essere integrati, dai requisiti propri della versione aggiornata. Nel caso in esame, ciascuno degli elementi rispetto ai quali dovevano essere analiticamente indicati i prezzi, è stato assunto ad oggetto della prestazione (e così doveva essere considerato dai partecipanti) per le sue caratteristiche tecniche essenziali, integrate, in ragione degli obiettivi espressi dalla stazione appaltante, dalle caratteristiche della versione aggiornata di quel prodotto, alle condizioni economiche indicate nell’offerta. Ne consegue che è del tutto irrilevante la circostanza che l’elemento in contestazione fosse già presente, in commercio, nella  versione evoluta e non più in quella indicata nello schema di offerta, in quanto, per espressa previsione delle clausole del bando, la già verificatasi evoluzione tecnica era di per sé destinata ad integrare il contenuto della prestazione richiesta. L’evento verificatosi, non soltanto non impediva, ma anche, a maggior ragione, non esonerava i......