INPDAP: TASSO D'INTERESSE PER PAGAMENTI DILAZIONATI



(continua a leggere)


Micronidi sui luoghi di lavoro: definiti gli standard



































































































INPDAP INPDAP Istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica DIREZIONE CENTRALE ENTRATE Uff. I° - Coordinamento Sedi e Vigilanza sulle morositŕ VIA A.BALLARIN 42 00142 ROMA Roma, 6-5-2003 ALLE SEDI INPDAP E per loro tramite A tutti gli Enti con personale Iscritto all’INPDAP INFORMATIVA N. 16 OGGETTO: Tasso ufficiale di riferimento. La Banca d’Italia con disposizione pubblicata sulla G.U. n. 59 del 12/03/2003 ha fissato al 2,50%, a decorrere dal 12/03/2003, il tasso ufficiale di riferimento. Tale tasso influisce sulla determinazione dell’interesse di differimento e dilazione per il pagamento rateale dei debiti contributivi. L’interesse di differimento e dilazione maggiorato di 6 punti percentuali ai sensi dell’art. 3 comma 4, del D.L. n. 318 del 14.06.1996, convertito in legge dall’art. 1 comma 1, della legge n. 402 del 29.07.1996 č pari al 8,50% dal 12/03/2003.- La variazione del tasso di riferimento produce effetti anche nei confronti delle sanzioni civili da applicare ai sensi dell’art. 116 della legge 23 dicembre 2000 n.388. L’ammontare di tali sanzioni č pari al 8,00% (2,50% + 5,50%) dal 12/03/2003 in ragione d’anno per le inadempienze previste dal citato art. 116 al comma 8 lettera a) e lettera b) secondo periodo e comma 10. IL DIRIGENTE GENERALE (Dott.ssa Rosalba Amato) ......