INVALIDITA' DEL VERBALE DI GARA



(continua a leggere)


ACCORDI TRANSATTIVI SU CONTENZIOSI GIUDIZIALI O STRAGIUDIZIALI



































































































REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N.1575/2008 Reg. Dec. N. 772 Reg. Ric. ANNO 2003  DISPOSITIVO N. 19/2008 Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la seguente DECISIONE sul ricorso in appello n. 772/2003, proposto da ISARM, Impresa Scavi Archeologici Restauri Monumentali s.r.l., in proprio e quale capogruppo e mandataria, in persona del legale rappresentate pro tempore, e dalla Costruzioni Meccaniche e Carpenterie Metalliche s.a.s. di Capponi Patrizia (già Paruccini Luca), in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentate e difese dall’avv. Nadia Restivo, con domicilio eletto presso lo studio dell’avv. Andrea Bernardini, Via Bruxelles, n. 59; contro la Soprintendenza per i Beni Archeologici per le Province di Sassari e Nuoro, in persona del Soprintendente pro tempore, e il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, in persona del Ministro pro tempore, entrambi rappresentati e difese dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso i cui uffici in Roma, via dei Portoghesi 12 hanno legale domicilio; e nei confronti di A.T.I. Sotgiu Antonio e Paolo, capogruppo e mandataria, in persona del legale rappresentante, Impresa Edile Artigiana Monni Gino, in persona del legale rappresentante, G.P. di Garau Bruno & C., Metalmeccanica Catena s.n.c. di Catena Saverio & C.,in persona del legale rappresentante, mandanti, tutte rappresentate e difesa dall’avv. Prof. Giancarlo Filanti, presso il cui studio in Roma, viale delle Milizie n. 22, sono domiciliate; A.T.I. dott. Mario Ticca s.r.l. e Metal Granda s.r.l., in persona dei legali rappresentati pro tempore,  non costituitesi in giudizio; per l’annullamento e/o la riforma della sentenza del T.a.r. Sardegna, n. 1771/02 resa inter partes; Visto il ricorso con i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio degli appellati; Viste le memorie prodotte dalle parti a sostegno delle rispettive difese; Visti gli atti tutti della causa; Relatore all'udienza dell’11 gennaio 2008 il cons. Roberto Giovagnoli; Uditi l'avv. ROBIONY per delega dell’avv. Restivo e l’avv. dello Stato BRUNI; Visto l’art.23 bis, comma 1, lett. D) e comma 6 della legge 6 dicembre 1971, n.1034, come introdotto dall’art. 4 della legge 21 luglio 2000, n.205; Ritenuto e considerato in fatto e in diritto quanto segue: FATTO 1. Con la sentenza impugnata, il T.a.r. per la Sardegna ha respinto il ricorso proposto dall’odierna appellante principale avverso gli atti della gara per pubblico incanto indetta in data 14.11.2001 dalla Soprintendenza per i Beni Archeologici delle Province di Sassari e Nuoro per l’affidamento delle opere di restauro e sistemazione degli atrii Comita e Metropoli della Basilica di San Gavino ed i lavori di sistemazione del Parco Archeologico con realizzazione di coperture dei resti monumentali di Palazzo Re Barbaro, Terme Maetze, Terme Pallottino. 2. Contro tale se......