LA SOCIETA' MISTA COMUNALE PUO' PARTECIPARE A GARE ESTERNE



(continua a leggere)


MODALITA' DI AFFIDAMENTO DEI SERVIZI PUBBLICI ECONOMICI



































































































                        REPUBBLICA ITALIANA                                N.5196/05  REG.DEC.                IN NOME DEL POPOLO ITALIANO                                    N. 6887 e 7263 Il  Consiglio  di  Stato  in  sede  giurisdizionale,   Quinta  Sezione          ANNO 2004 ha pronunciato la seguente decisione sui ricorsi in appello nn. 6887/2004 e 7263/2004, proposti: a) -  quanto all’appello n. 6887/2004: da CITELUM s.a., in proprio e quale mandataria del R.T.I. con SIRAM s.p.a. e COGEI s.r.l., in persona del legale rappresentante Presidente e Direttore Generale Michel TESCONI, rappresentata e difesa dagli avv.ti: Ernesto STICCHI DAMIANI, Giovanni PASCONE e Luigi NILO, con domicilio eletto in Roma, via L. Mantegazza, 24, presso il Cav. Luigi GARDIN contro HERA s.p.a., GEMMO IMPIANTI s.p.a., CO.I.M.I. s.r.l., I.T. - INNOVAZIONI e TECNOLOGIE s.r.l., in persona dei rispettivi legali rappresentanti p.t., costituitesi in giudizio, rappresentate e difese dagli avv.ti Feliciana FERRENTINO, Giovanni PELLEGRINO e Lorenzo LENTINI e presso il secondo elettivamente domiciliate in Roma, corso del Rinascimento 11, e nei confronti di: Comune di TARANTO, COMMISSIONE GARA APPALTO GESTIONE TECNOLOGICA PUBBLICA ILLUMINAZIONE del COMUNE DI TARANTO, ENEL SOLE s.p.a., Soc. EMILIO ALFANO s.p.a., SIRET s.r.l., ELETTROVIT s.r.l., SMEA s.r.l., ACEA LUCE s.p.a., UTILITAS s.r.l., ARISTEA SERVICE s.c.a r.l., in persona dei rispetivi legali rappresentanti pt., non costituitisi in giudizio, ***** b) - quanto all’appello n. 7263/2004: dal Comune di TARANTO, in persona del Sindaco p.t., rappresentato e difeso dall’avv. Piero G. RELLEVA presso il quale domicilia elettivamente in Roma, viale G. Mazzini 142, contro HERA s.p.a. GEMMO IMPIANTI s.p.a., COIMI s.r.l., I.T. - INNOVAZIONI e TECNOLOGIE s.r.l., in persona dei rispettivi legali rappresentanti p.t., costituitesi in giudizio, rappresentate e difese dagli avv.ti Feliciana FERRENTINO, Giovanni PELLEGRINO e Lorenzo LENTINI e presso il secondo elettivamente domiciliate in Roma, corso del Rinascimento 11, e nei confronti di CITELUM s.a., in proprio e quale mandataria del R.T.I. con SIRAM s.p.a. e COGEI s.r.l., in persona del legale rappresentante p.t., non costituitasi in giudizio; ***** per la riforma della sentenza del TAR della  Puglia, Sezione II di Lecce, n. 3721 del 14 giugno 2004; visti gli atti di appello con i relativi allegati; visti, nei due appelli, gli atti di costituzione in giudizio delle società HERA s.p.a. GEMMO IMPIANTI s.p.a., CO.I.M.I. s.r.l., I.T. - INNOVAZIONI e TECNOLOGIE s.r.l.; viste le memorie difensive prodotte dalle parti; visti gli atti tutti della causa; relatore, alla pubblica udienza del 17 Maggio 2005, il Consigliere Paolo Buonvino; uditi, per le parti, gli avvocati Ernesto Sticchi Damiani, Gian Luigi Pellegrino, per delega dell’avv. Giovanni Pellegrino, Piero Relleva e Lorenzo Lentini; visto il dispositivo n. 296 del 17 maggio 2005. Ritenuto e considerato, in fatto e in diritto, quanto segue: F A T T O 1) - Con il ricorso di primo grado le odierne appellate, società Hera s.p.a.,  Gemmo Impianti s.p.a., Co.I.M.I. s.r.l. e I.T. s.r.l. (di seguito ATI Hera), hanno impugnato: a) - i verbali di gara per l’affidamento dell’appalto misto per la gestione tecnologica integrata e la manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione del Comune di Taranto n. 1 del 12/05/2003; n. 2 del 19/05/2003; n. 3 del 29/05/2003; n. 4 del 16/06/2003; n. 5 del 24/06/2003; n. 6 del 27/06/2003; n. 7 del 07/07/2003; n. 8 del 21/07/2003; n. 9 del 29/07/2003; n. 10 del 17/09/2003; n. 11 del 22/09/2003; n. 12 del 29/09/2003; n. 13 del 06/10/2003; n. 14 del 16/10/2003; n. 15 del 21/10/2003; n. 16 del 06/11/2003; n. 17 del 28/11/2003; n. 18 del 04/12/2003; n. 19 del 10/12/2003; n. 20 del 16/12/2003; b) - il provvedimento, non conosciuto, di aggiudicazione della gara e del contratto di appalto, ove stipulato; c) - tutti gli atti presupposti, collegati, connessi e consequenziali, ivi compresi:  - la determinazione del dirigente Settore LL.PP. del Comune di Taranto n. 89 del 15 luglio 2002, con la quale sono stati approvati gli atti di gara per l’appalto misto per la gestione tecnologica integrata e la manutenzione degli impianti di pubblica illuminazione del Comune di Taranto (relazione tecnica – Capitolato Speciale di Appalto – bando di gara – avviso di gara – lettera d’invito);  - se del caso, la relazione tecnica, il Capitolato Speciale di Appalto, il bando di gara,. l’avviso di gara, la lettera d’invito, approvati con la determinazione dirigenziale n. 89/02;  - la determinazione del dirigente del Settore Gestione del Patrimonio e LL.PP. n. 182 del 25 ottobre 2002 di integrazione e riapprovazione dell’avviso di gara;  - la determinazione del dirigente Studi Pianificazione Controllo Servizio Appalti – Contratti del Comune di Taranto n. 8 del 2 magio 2003 di nomina della Commissione giudicatrice dell’esame delle offerte della gara d’appalto in questione;  - all’occorrenza, la deliberazione di G.M. n. 141 del 31 gennaio 2003 di istituzione del Servizio Appalti – Contratti; ha chiesto, inoltre, il risarcimento dei danni subiti e subendi a causa dell’illegittima aggiudicazione della gara in questione. Con ricorso per motivi aggiunti, notificato l’8 aprile 2004 e depositato il 16 aprile 2004, sono stati impugnati altresì: