LOMBARDIA/CALENDARIO SCOLASTICO



(continua a leggere)


SPESE REFERENDUM



































































































D D.G.R. n. 21074 dell’11.3.2005 CALENDARIO SCOLASTICO REGIONALE 2005/06, AI SENSI DELL'ART. 138, COMMA 1' DEL D.L.VO N. 112 DEL 31.3.1998 E DELL'ART. 4, COMMA 121 DELLA L.R. N. 1 DEL 5.1.2000 VISTO l’art. 138, comma 1° del D.L.vo n. 112 del 31.3.1998 che ha delegato alle Regioni una serie di funzioni amministrative, tra le quali quella della determinazione annuale del calendario scolastico; PREMESSO che l’art. 74 “Calendario scolastico per le scuole di ogni ordine e grado” del decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive modificazioni e integrazioni, al comma 2, stabilisce che le attività didattiche si svolgono nel periodo compreso tra il 1 settembre e il 30 giugno; VISTO l’art. 21 della legge n. 59 del 15.3.1997 e successive modificazioni e integrazioni; VISTO il D.P.R. n. 275 dell’8.3.1999, concernente il regolamento recante norme in materia di autonomia delle istituzioni scolastiche, che riserva alle istituzioni scolastiche: • gli adattamenti del calendario scolastico nel rispetto del disposto dell'art. 74, 3° comma, del D.L.vo n. 297 del 1994 relativo allo svolgimento di non meno di 200 giorni di lezione; • la scansione temporale della valutazione degli apprendimenti degli alunni e della suddivisione del periodo delle lezioni; • il calendario degli scrutini e delle valutazioni intermedie e finali degli alunni; • la fissazione degli esami da parte dei dirigenti scolastici, ad esclusione di quelli di Stato conclusivi dei corsi di istruzione secondaria superiore; VISTA la l.r. 5.1.2000 n. 1, sul riordino del sistema delle autonomie in Lombardia, e in particolare il comma 121 dell’art. 4 che disciplina le funzioni amministrative della regione ai sensi dell’art. 138, comma 1° del D.L.vo n. 112 del 31.3.1998; VISTO l’art. 3 della Legge Costituzionale 18 ottobre 2001 n. 3, che reca modifiche al Titolo V della parte seconda della Costituzione; CONSIDERATO che il calendario delle festività nazionali è determinato come segue: • tutte le domeniche • il 1° novembre, festa di tutti i Santi • l’8 dicembre, Immacolata Concezione • il 25 dicembre, Natale • il 26 dicembre • il 1° gennaio, Capodanno • il 6 gennaio, Epifania • il giorno di lunedì dopo Pasqua • il 25 aprile, anniversario della Liberazione • il 1° maggio, festa del Lavoro • il 2 giugno, festa nazionale della Repubblica • la festa del Santo Patrono; CONSIDERATO che, nella determinazione dei giorni utili, è stato previsto un ampio margine temporale, 208 giorni rispetto al minimo di 200 giorni obbligatori di lezione, per consentire alle istituzioni scolastiche di definire gli adattamenti più opportuni alle esigenze del piano dell’offerta formativa; VISTO il parere favorevole dell’UPL, ANCI e UNCEM della Lombardia, rispettivamente del 4.3.2005, del 3.3.2005 e del 28.2.2005, sulla proposta del calendario scolastico regionale; PRESO ATTO contestualmente dell’impegno delle Province, dei Comuni e delle Comunità Montane della Lombardia a garantire i servizi complementari di loro competenza nel rispetto delle decorrenze e scadenze fissate dal sottoindicato calendario; VISTO il parere favorevole del 25.2.2005 prot. n. 5651 del MIUR - Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia sulla proposta del calendario scolastico regionale; RITENUTO quindi di definire le determinazioni regionali sul calendario scolastico, nel rispetto del D.P.R. n. 275/99, in modo da fornire un elemento utile alle istituzioni scolastiche per la programmazione e l’organizzazione delle proprie attività; A voti unanimi espressi nelle forme di legge DELIBERA sulla base di quanto esposto in premessa, 1. di determinare il seguente Calendario scolastico regionale 2005/06: lunedì 12 settembre 2005 data di inizio delle lezioni sabato 10 giugno 2006 data di termine delle lezioni 30 giugno 2006 data di termine delle attività educative nelle scuole dell’infanzia e delle attività didattiche nelle restanti istituzioni scolastiche e i seguenti giorni di interruzione delle lezioni: