LOMBARDIA/FINANZIAMENTI PER IMPIANTISTICA SPORTIVA



(continua a leggere)


PAGAMENTI AL LEGALE DELL'ENTE



































































































5 Maggio 2005 5 Maggio 2005 Bando Fondo Regionale e Istituto Credito Sportivo Agevolazioni finanziarie per interventi su impiantistica sportiva esistente e nuova Ecco le procedure per beneficiare di mutui agevolati Credito Sportivo            Enti pubblici; Società Sportive riconosciute dal CONI o affiliate ad un Ente Nazionale di Promozione Sportiva e costituite senza scopi di lucro; Associazioni Sportive aventi personalità giuridica e riconosciute dal CONI o affiliate ad un Ente Nazionale di Promozione Sportiva, costituite senza scopi di lucro; Enti Morali che perseguono finalità ricreative e sportive senza scopi di lucro; Federazioni Sportive ed Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI potranno beneficiare di mutui agevolati concessi dall’Istituto per il Credito Sportivo. La Giunta regionale della Lombardia, con deliberazione n. 20894 del 16 febbraio 2005, ha infatti approvato, ai sensi dell’art. art. 10, comma 3 della l.r. 26/2002, il Bando relativo alla convenzione tra Regione Lombardia e Istituto per il Credito Sportivo, pubblicato sul BURL (Bollettino Ufficiale Regione Lombardia) n. 15 dell’11 aprile 2005 - Serie ordinaria - Le finalità del Bando riguardano le seguenti agevolazioni finanziarie. a)       interventi relativi a impianti sportivi esistenti: ristrutturazione, ammodernamento, ampliamento, completamento, riconversione, adeguamento tecnologico, manutenzione straordinaria, messa a norma e abbattimento delle barriere architettoniche; b)       interventi di realizzazione di nuovi impianti sportivi. I soggetti indicati dovranno in ogni caso essere titolari della proprietà dell’impianto o dell’area sulla quale si dovrà realizzare l’impianto, oppure in alternativa essere titolari della gestione dell’impianto mediante atto stipulato con il proprietario. Tale convenzione dovrà avere scadenza non anteriore alla data di restituzione dell’ultima rata del mutuo concesso. Le spese ammissibili al finanziamento saranno: spese tecniche per la realizzazione dell’intervento (spese di progettazione, direzione lavori, ecc); spese dovute ai lavori veri e propri per la realizzazione del progetto (materiali e relativa mano d’opera ivi compresi i componenti e le strutture già realizzate in fabbrica); spese per l’acquisto di attrezzature sportive purché di stretta pertinenza dell’impianto sportivo (ad esempio le porte dei campi di calcio/calcetto, le reti dei campi da tennis/pallavolo,i canestri dei campi da basket, ecc). Le domande di accesso alle agevolazioni finanziarie in argomento, redatte in modo conforme al modello allegato al Bando su carta intestata del mittente, sottoscritte dal legale rappresentante o dal responsabile del procedimento dell’Ente richiedente, devono essere presentate dal 15 aprile 2005 al 14 dicembre 2005 e pervenire agli uffici regionali attraverso una delle seguenti modalità: - consegna a mano presso gli sportelli di protocollo di Milano, Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Legnano, Lodi, Mantova, Monza, Pavia, Sondrio e Varese; -  consegna per posta a mezzo raccomandata A/R - le buste dovranno essere indirizzate a Regione Lombardia - Direzione Generale Giovani, Sport e Pari Opportunità, via I. Rosellini 17 - 20124 Milano. Alle domande deve essere allegata la seguente documentazione tecnica: progetto di massima comprendente almeno una relazione tecnica illustrativa (con evidenziate le caratteristiche di progetto che determineranno il punteggio); un quadro economico generale con le principali voci di costo dell’intervento da realizzare; documentazione fotografica dello stato di fatto e disegni illustrativi principali. Per ogni ulteriore informazione aggiuntiva è possibile rivolgersi a: -               ......