NESSUN ONERE A CARICO DEI COMUNI PER LA CARTA D'IDENTITA' ELETTRONICA



(continua a leggere)


INFRAZIONE CONTESTATA AL SINDACO: I COSTI SONO A SUO CARICO



































































































Servizi demografici: ancora disposizioni di interesse per i Comuni sul rilascio della Carta d’identità elettronica Servizi demografici: ancora disposizioni di interesse per i Comuni sul rilascio della Carta d’identità elettronica   Con la Circolare telegrafica n. 43 del 30 agosto 2005, diffusa nei giorni scorsi sul proprio sito internet, la Direzione centrale per i Servizi demografici presso il Ministero dell’Interno ha fornito alle Prefetture ulteriori chiarimenti in ordine al rilascio della Carta d’identità elettronica (Cie). A seguito infatti di molte segnalazioni provenienti da vari Comuni sulle difficoltà nel reperire risorse finanziarie per l’acquisto delle apparecchiature necessarie al rilascio della Carta d’identità elettronica, si è resa necessaria l’emissione della Circolare in oggetto per confermare che il servizio di rilascio della Carta d’identità elettronica non deve produrre nuovi oneri per i Comuni. Al riguardo, la Direzione ha ricordato in primo luogo che sulla G.U. n. 75 del 1° aprile 2005 è stata pubblicata la Legge 31 marzo 2005, n. 43, di conversione, con modificazioni, del Dl. n. 7/05 di cui una parte riguarda appunto il rilascio della documentazione in formato elettronico. L’art. 7-vicies ter, comma 2, della Legge dispone infatti, tra le altre cose, che dal 1° gennaio 2006 la carta d’identità cartacea venga sostituita dalla Carta d’identità elettronica al momento del primo rilascio o del suo rinnovo. Di seguito, l’art. 7-vicies quater al comma 6 dispone che “dall’attuazione dell’articolo 7-vicies ter e del presente articolo non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica”. A tale scopo il Ministero informa che con l’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato è iniziata “l’elaborazione di modelli organizzativi per il rilascio della carta d’identità elettronica che non comporteranno per i Comuni oneri per l’acquisto e la manutenzione delle relative stazioni di emissione”. Nel ricordare infine che anche la Circolare telegrafica 1° giugno 2005 precisava che i Comuni devono “astenersi dall’assumere impegni di spesa per l’acquisto delle sopraccitate apparecchiature”, vengono invitati i Prefetti a diffondere il contenuto della Circolare a tutti i Comuni facenti parte del proprio ambito territoriale. ......