NOTIFICA NON SOLLECITA DELLE MULTE: E' DANNO ERARIALE



(continua a leggere)


VERIFICHE STRAORDINARIE IN MATERIA DI INVALIDITA' CIVILE



































































































SEZIONE SEZIONE ESITO NUMERO ANNO MATERIA PUBBLICAZIONE LOMBARDIA Sentenza 470 2008 Responsabilità 10-07-2008                                                             Sent. 470/2008 N.24526                                                                                              REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LOMBARDIA composta dai Magistrati: Dott.   Giuseppe NICOLETTI                 Presidente Dott.    Vito TENORE                           Magistrato rel. Dott.  Francesco LOMBARDO               Magistrato ha pronunciato la seguente SENTENZA nel giudizio di responsabilità, ad istanza della Procura Regionale, iscritto al numero 24526  del registro di segreteria, nei confronti di: S. A., rappresentato e difeso dall’avv.Ilaria Groppelli, e presso la stessa elettivamente domiciliato in Milano, via Settembrini 35 letta la citazione in giudizio ed esaminati gli altri atti e documenti fascicolati; richiamata la determinazione presidenziale con la quale è stata fissata l’udienza per la trattazione del giudizio; ascoltata, nell’odierna udienza pubblica, la relazione del Magistrato designato prof.Vito Tenore e uditi gli interventi del Pubblico Ministero nella persona del Sost. Procuratore Generale dr. Nicola Ruggiero e del difensore del  convenuto avv.Ilaria Groppelli;  viste le leggi 14 gennaio1994, n. 19 e 20 dicembre 1996, n.639   FATTO Con atto di citazione depositato in data 17.10.2007, la Procura Regionale Lombardia conveniva innanzi a questa Sezione giurisdizionale l’ex Comandante del Corpo intercomunale della Polizia Municipale dei Comuni di OMISSIS,  e , sig. S. A., esponendo quanto segue: a) che a seguito di segnalazione inoltrata dal Sindaco del Comune di OMISSIS era emerso un danno erariale di 76.265,97 euro conseguente alla mancata notifica, tra gli anni 2001-2004, di 1.935 verbali di accertamento di illeciti amministrativi per violazione del codice della strada; b) che le verifiche istruttorie avevano acclarato che il servizio di polizia locale era stato attribuito, con delibere 29.2.2000 n.9 e 30.6.2000 n.19 approvative di un accordo di programma tra i Comuni di OMISSIS,  e , ad un Corpo municipale Intercomunale, coordinato dal Comune di OMISSIS e guidato da un unico Comandante, individuato nella persona del responsabile della Polizia Municipale di OMISSIS sig. S., con decreto sindacale 31.1.2001 n.7 attuativo dell’art.5 dell’accordo intercomunale; c) che a seguito dello scioglimento del predetto servizio associato, avvenuto con delibera consiliare 16.3.2005 n.18, il sig.S. era transitato in mobilità presso il Comune di  e che nuovo Comandante della Polizia Municipale di OMISSIS era stato nominato, con decreto sindacale 1.8.2005 n.18, il dr.B. R., il quale, dopo verifiche sull’attività svolta dal servizio prima del passaggio delle consegne, aveva acclarato la non predisposizione o la mancata o infruttuosa notifica di numerosi verbali di accertamento di violazioni al Codice della strada, disponendo, con ordinanza 21.11.2005 n.51, la doverosa archiviazione degli stessi, con un conseguente danno erariale da  mancato introito pari ad euro 76.265,97; d) che tale somma, corrispondente agli importi incassabili dai tre Comuni aventi diritto a fronte di pagamento in misura ridotta ex art.16, l. n.689/1981 e ex art.202 Cod.Str.,  era stata rettificata dalla Procura in euro 76.765.97, previo analitico esame della documentazione relativa ai singoli procedimenti sanzionatori, afferenti infrazioni accertate, ma non notificate nei termini di legge (art.201, co.1, Cod.Str.) ai trasgressori senza giustificazione alcuna; e) che la gestione di tali contravvenzioni al Codice della Strada, come chiarito dal Comune di OMISSIS con nota 23.4.2007 n.5118 agli atti, aveva fatto capo esclusivamente al sig. S., il quale, nell’arco temporale 2001-2004, aveva proceduto personalmente all’archiviazione dei dati relativi agli accertamenti su PC protetto da password in dotazione al Comandante, ed aveva altresì custodito la documentazione cartacea dei procedimenti non definiti in una valigia allocata presso il proprio ufficio, ivi reperita durante l’istruttoria amministrativa Comunale; f) che il sig.S. non aveva fatto pervenire  deduzioni in riscontro all’inoltrato invito a dedurre; g) che la condotta gravemente colposa del sig.S., protratta per ben 4 anni, aveva arrecato un ingente danno erariale. Tutto ciò premesso, l’attrice Procura chiedeva la condanna del convenuto al risarcimento della somma di euro 76.765,97 oltre accessori. Si costituiva il sig. S. A., rappresentato dall’avv. Ilaria Groppini, eccependo preliminarmente la prescrizione dell’illecito per gli accertamenti afferenti i 102 verbali stradali non notificati nel 2001, a fronte della data della notifica della citazione del 18.6.2008. Nel merito, evidenziava l’assenza di colpa grave nella condotta del proprio assistito, tenuto conto: a) del sottorganico che aveva caratterizzato il servizio intercomunale di Polizia Municipale negli anni de quibus, attesa la presenza in servizio di soli 4 agenti di polizia a fronte degli 8 previsti dalla convenzione intercomunale, con evidenti riflessi gestionali in una fascia territoriale vasta e caratterizzata da alta affluenza turistica; b) della assenza di 2 dei 4 vigili urbani citati nel periodo novembre 2000-febbraio 2001, in quanto impegnati in un corso di formazione; c) dello stato di salute del S., costretto ad allontanarsi spesso dal posto di lavoro, in quanto affetto da epatite C e da fibrillazione atriale, che avevano transitoriamente reso incapace di intendere e volere il proprio cliente. La difesa del convenuto chiedeva pertanto il rigetto della domanda attorea. All’udienza del 9.7.2008, udita la relazione del Magistrato designato, prof.Vito Tenore, la Procura attrice e la difesa del convenuto sviluppavano gli argomenti esposti nei rispettivi atti. Quindi la causa veniva trattenuta in decisione.   DIRITTO La fattispecie sub iudice attiene ad una fattispecie di danno erariale di 76.265,97 euro conseguente alla mancata notifica, tra gli anni 2001-2004, di 1.935 verbali di accertamento di illeciti amministrativi per violazione del codice della strada da parte del sig. A. S., Comandante all’epoca dei fatti del Corpo municipale Intercomunale dei Comuni di OMISSIS,  e . E’ incontestato, in fatto, tra le parti che il Comandante S. fosse, nell’arco temporale oggetto di causa, responsabile esclusivo del servizio redazione ed invio (per notificazione) delle contravvenzioni al Codice della Strada acclarate nel territorio intercomunale (v. nota 23.4.2007 n.5118 Comune di OMISSIS agli atti, non confutata dal convenuto). E’ parimenti incontestato tra le parti, in assenza di rilievi della difesa del S. sulle risultanz......