NUOVE ISTRUZIONI PER IL CERTIFICATO DI BILANCIO 2010



(continua a leggere)


Controlli antimafia sulle attività a rischio di infiltrazioni criminali



































































































Circolare F Circolare F.L. 13/2010 Alle Prefetture-Utg - Loro Sedi Ai Commissariati del governo di - Trento e Bolzano Alla Presidenza della Giunta regionale della Valle d’Aosta - Aosta  OGGETTO: certificato al bilancio di previsione dell’anno 2010 – ulteriori istruzioni di compilazione e invio tramite posta elettronica certificata. - Quadro contabile n. 2 Alcuni comuni hanno chiesto di conoscere con maggiore dettaglio le modalità con cui compilare la voce relativa alla TIA nel quadro contabile 2 bis denominato “Aliquote e tariffe” del certificato in oggetto,  a seguito delle modifiche apportate  rispetto al precedente certificato preventivo dell’anno 2009. In proposito, si fa presente  che quando  alla nota n. 3 di tale quadro contabile si indica la fattispecie prevalente, si intende la fattispecie con maggior numero di utenze e, pertanto,  le voci contabili  di  cui ai codici n. 2252 e n. 2253 andranno riferite  a tale fattispecie. Inoltre - a  differenza degli importi della Tarsu, Tosap e Cosap che vanno espressi in mq.  – l’importo della Tia andrà espresso nell’ammontare totale annuale  versato dall’utente il servizio, con riferimento ai due elementi  costituiti dai metri quadri  e dai componenti del nucleo familiare della stessa fattispecie prevalente. In generale, si precisa poi  che andrà indicato il codice zero nella colonna concernente la  “forma di riscossione” relativamente alle tipologie di entrate  non attivate; ad esempio,  in presenza di imposta sulla pubblicità, l’ente andrà ad indicare il codice   corrispondente  alla forma di riscossione  dell’entrata (da 1 a 6) mentre indicherà  il codice zero  per   il canone di pubblicità,  in quanto è una  forma alternativa di entrata all’imposta di pubblicità. - Invio tramite posta elettronica certificata Già con comunicazione del 10 maggio scorso  si sono fornite indicazioni circa la nuova procedura di trasmissione della certificazione  tramite posta elettronica (PEC). A questo proposito,  occorre far presente che – considerata le molte richieste pervenute  – si stanno   accogliendo  anche  quelle  inoltrate  successivamente  alla prevista data del 14 giugno 2010,  ma tale proroga dei tempi sarà possibile non oltre il 25 giugno prossimo, attesa l’esigenza  di approntare le procedure per la ricezione del dati tramite PEC. ******* Si pregano gli Uffici  in indirizzo di portare a conoscenza di  comuni,   province  e comunità montane  il contenuto di tale comunicazione  che viene reso visualizzabile, altresì,  sulle pagine del sito internet di questa Direzione  centrale alla voce “Circolari e decreti”. Roma lì, 21 giugno 2010 IL DIRETTORE CENTRALE (Verde)   ......