NUOVI SERVIZI ON-LINE DELLA CORTE DEI CONTI



(continua a leggere)


Tariffa rifiuti (Tia) non assoggettabile a Iva



































































































1 marzo 2012 - Comunicato Stampa n 1 marzo 2012 - Comunicato Stampa n. 17/2012   "I nuovi servizi on line della Corte dei conti" 1) Sul sito istituzionale della Corte dei conti (www.corteconti.it) sono disponibili da qualche giorno due nuovi servizi rivolti al cittadino, agli avvocati ed alle pubbliche amministrazioni: nell'ambito del primo, attraverso le funzioni “calendario delle udienze“ e “consulta il ruolo di udienza“ si potranno liberamente visualizzare  le informazioni relative alle date di udienza e ai ruoli dei giudizi che si discutono dinanzi a tutte le sezioni giurisdizionali della Corte sull'intero territorio nazionale (responsabilità e pensionistica).   Il rilascio di questi nuovi “servizi on line” (S.O.Le), che si aggiungono alle già esistenti banche dati delle sentenze e delle decisioni delle Sezioni di controllo, rappresenta  un'ulteriore tappa nel percorso di innovazione concreta che sta seguendo la Corte dei conti e che intende semplificare i rapporti con i cittadini, i professionisti e le p.a., in un’ottica di maggiore trasparenza e semplificazione che riduce la distanza tra l'utenza e la magistratura contabile; la fase successiva consisterà nel rilascio di servizi di accesso allo stato dei giudizi pendenti, previa autenticazione dell’utente (parte o avvocato), per arrivare, in un prossimo futuro, al vero e proprio processo telematico contabile (che potrà prescindere dal flusso documentale cartaceo).   2) In questa prospettiva si colloca la seconda profonda innovazione che  -  allo stato in via sperimentale e in parallelo con il cartaceo - lancia la Corte dei conti: la completa digitalizzazione (c.d. dematerializzazione) dei fascicoli processuali, realizzata presso la Sezione giurisdizionale Lazio, nonchè in corso di realizzazione presso altri poli regionali (Sezioni e Procure Emilia Romagna, Marche, ecc.), che affianca al fascicolo cartaceo uno speculare fascicolo elettronico, in modo da rendere maggiormente fruibili i documenti del processo contabile, anche da postazioni remote.   In particolare, il Presidente della Sezione giurisdizionale e il Procuratore regionale per il Lazio hanno firmato una direttiva congiunta per il deposito informatico e la trasmissione, a mezzo di posta elettronica certificata, degli atti del processo celebrati innanzi alla locale Sezione giurisdizionale. L’iniziativa, per ora a carattere sperimentale, tende ad introdurre, accanto al tradizionale flusso documentale cartaceo, una prima “dematerializzazione” delle attività di competenza della Sezione giurisdizionale (già in corso), della Procura regionale e, in prospettiva, di alcune categorie di interlocutori esterni alla Corte (Avvocati, UNEP, Amministrazioni centrali e privati cittadini che nell’atto introduttivo del giudizio dichiarano di voler comunicare attraverso la Posta Elettronica Certificata) e potrebbe costituire un utile precedente a livello nazionale. Per accedere ai servizi, gli operatori dovranno collegarsi al sito web della magistratura contabile, www.corteconti.it e saranno guidati da un sistema di navigazione moderno e intuitivo. Anche in questo caso, l’obiettivo del progetto è quello di avvicinare il cittadino alla Corte dei conti per creare i presupposti per un’interazione fondata sulla collaborazione e sulla trasparenza, ma anche  ridurre notevolmente le spese di giustizia a favore di servizi migliori e più celeri. 3) Infine, il Segretario Generale della Corte dei conti, ha emesso una circolare relativa all'utilizzo della Posta elettronica certificata (PEC), che, come noto, ha lo stesso valore giuridico della notificazione a mezzo posta. Questo importante passo verso una maggiore semplificazione e accelerazione delle comunicazioni istituzionali con la Magistratura contabile è stato compiuto in attuazione delle importanti innovazioni legislative intervenute negli ultimi anni in materia di Posta Elettronica Certificata, nonchè delle numerose  richieste di avvalersi di tale modalità di comunicazione nei rapporti con la Corte provenienti da alcune amministrazioni centrali, regionali e locali. La circolare interviene su taluni aspetti organizzativi e regolamentari in modo da ampliare l’ambito di utilizzo all’interno dell'Istituto di questo importante strumento di dematerializzazione, anche in considerazione della notevole diffusione che il servizio PEC ha assunto e continua ad assumere nei rapporti tra le P.A. e tra queste ed i cittadini e le imprese.   CORTE DEI CONTI UFFICIO STAMPA   ......