PAGAMENTI SUPERIORI A 10.000 EURO



(continua a leggere)


ACCESSO AL BILANCIO DA PARTE DI PRIVATI



































































































Circolare del 06/08/2007 n Circolare del 06/08/2007 n. 28  Ministero dell'Economia e delle Finanze   Oggetto:Articolo 48-bis  del  decreto  del  Presidente  della  Repubblica 29 settembre1973, n.  602  -  Disposizioni  sui pagamenti di importo superiore a diecimilaeuro da parte delle pubbliche amministrazioni - Prime modalita' applicative.  (Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 17 agosto 2007 n.190.)(Documento in fase di trattamento redazionale.)Testo:                            Agli  Uffici centrali del bilancio presso                                     le Amministrazioni centrali dello Stato                                       All'Ufficio centrale di ragioneria presso                                     l'Amministrazione  autonoma  dei Monopoli                                     di Stato                                                                      Alle Ragionerie provinciali dello Stato                                       Ai  Revisori  dei conti in rappresentanza                                     del   Ministro   dell'economia   e  delle                                     finanze  presso  gli  Enti  ed  organismi                                     pubblici                                                                         e per conoscenza:                                                          Alla   Presidenza   del   Consiglio   dei                                     Ministri - Segretariato generale                                              Alle amministrazioni centrali dello Stato                                     - Gabinetto                                                                   All'Amministrazione autonoma dei Monopoli                                     di Stato                                                                      Al Consiglio di Stato                                                         Alla Corte dei conti                                                          All'Avvocatura generale dello Stato                                                                                                                           Premessa:                                         L'art. 2,  comma  9,  del  decreto-legge 3 ottobre 2006, n. 262, convertito,con modificazioni,  dalla  legge  24  novembre  2006,  n.  286,  ha introdottol'art. 48-bis  al  decreto  del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973,n. 602.                                                                         Il citato  art.  48-bis,  comma  1, dispone che le amministrazioni pubblichedi cui  all'art.  1, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, ele societa'  a  prevalente  partecipazione  pubblica,  prima  di effettuare, aqualunque titolo,  il  pagamento  di  un  importo  superiore a diecimila euro,verificano, anche  in  via  telematica,  se  il  beneficiario  e' inadempienteall'obbligo di  versamento  derivante dalla notifica di una o piu' cartelle dipagamento per  un  ammontare  complessivo  pari  almeno  a detto importo e, incaso affermativo,  non  procedono  al  pagamento,  segnalando  la  circostanzaall'agente della    riscossione    competente    per    territorio   ai   finidell'esercizio dell'attivita' di riscossione delle somme iscritte a ruolo.      Il comma  2  del medesimo art. 48-bis prevede che le modalita' di attuazionedelle suddette   disposizioni  sono  adottate  con  regolamento  del  Ministrodell'economia e  delle  finanze,  da  emanarsi ai sensi dell'art. 17, comma 3,della legge 23 agosto 1988, n. 400.                                             Cio' premesso,  nel  far  presente  che a tutt'oggi detto regolamento non e'stato ancora  emanato,  va  tuttavia  sottolineato  che  non  sussistono dubbicirca l'immediata  applicabilita'  delle  disposizioni  in esame; pertanto, ilprecetto contenuto al comma 1, dell'art.                                      48-bis, del  decreto  del Presidente della Repubblica n. 602 del 1973 non puo'risultare condizionato  dall'emanazione  del menzionato regolamento, il quale,a ben  vedere,  assolve  al  limitato compito di meglio tracciare le procedureoperative per  rendere  piu'  efficace il dettato legislativo, di per se' gia'attuabile e cogente.                                                            Sulla questione,  infatti,  e' stato puntualmente osservato che quest'ultimoprovvedimento di  attuazione  "non  incide  sull'an  dell'applicazione,  ma e'deputato solo   a  specificare  il  quomodo  (le