POSSONO RICORRERE SOLO LE IMPRESE PARTECIPANTI ALLA GARA



(continua a leggere)


Discordanze nelle somme dell'offerta: valke l'importo in lettere



































































































N N.7277/2002 Reg. Dec. N. 607 Reg. Ric. Anno 2002 R  E  P  U  B  B  L  I  C  A     I  T  A  L  I  A  N  A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente D E C I S I O N E sul ricorso in appello n. 607/2002, proposto da Ford Italia S.p.a., con sede legale in Roma, Via Andrea Argoli n. 58, in persona del procuratore generale pro tempore, rappresentata e difesa dall’avvocato Salvatore Patti ed elettivamente domiciliata in Roma, Via Tacito n. 41 nello studio del difensore c o n t r o Consip  S.p.a. - Concessionaria Servizi Informativi Pubblici, in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dagli avvocati Giuseppe Guarino e Andrea Guarino, ed elettivamente domiciliata in Roma, presso lo studio dei difensori, Piazza Borghese n. 3 e Savarent  S.p.a., in persona del legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa dall'avv. Giuseppe Minieri, elettivamente domiciliata in Roma, presso la Segreteria del Consiglio di Stato, Piazza Capo di Ferro n. 13; per la riforma della sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio, Sez. III, n. 6854/30.7.2001, resa inter partes;             Visto il ricorso con i relativi allegati; Visti gli atti di costituzione in giudizio di Consip  S.p.a. e Savarent  S.p.a.; Viste le memorie prodotte dalle parti a sostegno delle rispettive difese; Visto il dispositivo di sentenza n. 264 del 23/05/02; Visti gli atti tutti della causa; Data per letta, alla pubblica udienza del 21 maggio 2002 la relazione del  Consigliere Bruno Mollica; Uditi, altresì, gli avv.ti A. Guarino e G. Minieri per gli appellati;