PRESIDENZA COMMISSIONI DI GARA



(continua a leggere)


VALIDITA' DELLE PRESCRIZIONI DI LOTTIZZAZIONI URBANISTICHE



































































































Ethan Frome                         REPUBBLICA ITALIANA                                      N.  6262/07 REG.DEC.                 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO                             N.2376       REG.RIC. Il  Consiglio  di  Stato  in  sede  giurisdizionale, (Quinta Sezione)         ANNO 2006 ha pronunciato la seguente DECISIONE   sul ricorso in appello n. 2376 del 2006,   proposto dalla società  Armony Tours n.c., di Giacomini Giorgio & C. (già società Armony Tours n.c., dei fratelli Giacomini Nicolò e Giorgio & C. ), in persona del legale rappresentante signor Giorgio Giacomini, rappresentato e difeso dall’avv. Lorenzo Grisostomi Travaglini ,  domiciliato in Roma, via Alessandro Torlonia  n. 33; CONTRO il Comune di Pasiano di Pordenone, in persona del signor Vittorio Gerolami responsabile dell'ufficio tecnico settore ambiente, manutenzione e servizi, rappresentato e difeso dall’avv. Francesco Longo, e domiciliato presso lo studio dell'avvocato Federico Bianca  in Roma, viale delle Milizie   n. 9; nonché nei confronti dell’ATAP s.p.a. e dell’ATA s.n.c. di Antoniazzi G&C, in persona dei rispettivi legali rappresentanti pro tempore, non costituite in giudizio; per la riforma della sentenza del TAR Friuli Venezia Giulia 18 novembre 2005,  n. 915; Visto il ricorso in appello con i relativi allegati; Visto l’atto di costituzione in giudizio della parte appellata; Esaminate le memorie prodotte dalle parti a sostegno delle rispettive difese; Visti tutti gli atti di causa; Relatore alla pubblica udienza del 3 luglio 2007 il Consigliere Aldo Fera; Uditi per le parti gli avv.ti Astorri, per delega di Grisostomi, Travaglini e Longo, come indicato nel verbale d’udienza; Ritenuto e considerato in fatto e diritto quanto segue: FATTO Oggetto dell’appello è la sentenza specificata in rubrica,  con la quale il TAR  Friuli Venezia Giulia ha respinto il ricorso proposto dalla società  Armony Tours per l’annullamento, con gli atti presupposti e conseguenti, della determinazione  comunale n. 852 del 7 settembre 2004 di aggiudicazione alla soc. ATAP di Pordenone del servizio trasporto scolastico alunni scuole materne e dell’obbligo,                                                          nonché del diniego d’accesso ai documenti di cui alla nota 24 settembre 2004, e per la condanna del comune al risarcimento dei danni subiti dalla ricorrente a causa dell'attività illegittima dell'amministrazione.    La ricorrente, odierna appellante,  ha partecipato alla gara ed è risultata, nella graduatoria finale, terza classificata, dietro alle imprese Atap s.p.a. e A.T.A. snc di Antoniazzi G.& e C.      L'appellante contesta le motivazioni contenute nella sentenza, riproponendo nel contempo i motivi prospettati in primo grado, sulla base delle seguenti argomentazioni: 1.                             quanto alla domanda con cui è stato esercitato il diritto di accesso ai documenti, la sentenza erroneamente l’ha dichiarata inammissibile, mentre in realtà si sarebbe verificata la cessazione della materia del contendere, grazie proprio all'ordinanza presidenziale istruttoria che ha ordinato all'amministrazione l'esibizione dei documenti richiesti; 2.                             quanto al possesso dei requisiti di ammissione da parte delle ditte classificate al primo e secondo posto, la soc. ATAP andava esclusa perché il servizio da questa prestato in subappalto a favore della base americana di Aviano non può essere assimilato al "servizio identico a quello oggetto del bando di gara" richiesto come requisito per la partecipazione; peraltro, non è vero che il motivo con cui veniva contestata la mancata esclusione della seconda classificata sia stato introdotto con memoria non notificata alla controparte, poiché esso era stato già indicato nell'atto introduttivo del giudizio; 3.                             quanto all'attività della commissione di gara, la carenza dell'attività di verbalizzazione, che non consente di comprendere chi abbia adottato la decisione di disapplicare il bando in relazione al requisito di ammissione concernente il servizio sv......