PROBLEMATICHE IN MATERIA DI AIRE



(continua a leggere)


INDICAZIONE LUOGO DI EMIGRAZIONE PER NOTIFICA ATTI PROCESSUALI



































































































QUESITI AIRE QUESITI AIRE Iscrizione Aire La signora X, prima cittadina straniera iscritta in anagrafe, è diventata cittadina italiana dal 2/8/2006. Provvedo alla cancellazione per l’estero con A.P.R./4 siccome sposata con cittadino italiano già residente in A.I.R.E. Posso automaticamente procedere alla iscrizione A.I.R.E. e liste elettorali (avendo già trascritto l'atto di nascita della stessa)? Codesto Comune deve compilare il modello APR4 e il registro di cancellazione dall'APR ma non deve procedere alla cancellazione dall'APR finché non perviene da un Consolato il Cons01 di residenza all'estero. Nel momento in cui arriva il modello la cittadina deve essere cancellata dall'APR ed iscritta in Aire a partire dalla data di compilazione del registro di cancellazione dall'APR. Nel caso in cui, dopo un anno dalla compilazione del registro di cancellazione, non sia pervenuto alcun Cons. la persona dovrà essere cancellata dall'APR per irreperibilità presunta. Iscrizione Aire Come faccio da italiano a cambiare la residenza e farla aire in Romania? La normativa vigente (Legge n.470/88) dispone che l'iscrizione all'Aire deve essere effettuata quando i cittadini intendono trasferire la propria residenza, da un Comune italiano all'estero, per un periodo superiore ad UN ANNO. Pertanto, se un cittadino si reca all'estero per un periodo superiore ad un anno deve presentarsi entro 90 giorni al Consolato competente che provvederà a raccogliere le dichiarazioni del cittadino stesso, compilando il modello Cons 01. Tale modello verrà inviato dal suddetto Consolato al Comune di ultima residenza del connazionale, il quale provvederà all'iscrizione all'Aire. Iscrizione all'Aire Sono cittadina italiana e a gennaio vado negli Stati Uniti per 1-2 anni, volevo sapere se l’iscrizione all’AIRE è obbligatoria. Se sì la posso fare tramite il mio Comune di residenza italiano? La normativa vigente (Legge n.470/88) dispone che l'iscrizione all'Aire deve essere effettuata quando i cittadini intendono trasferire la propria residenza, da un Comune italiano all'estero, per un periodo superiore ad UN ANNO. Pertanto, se un cittadino si reca all'estero per un periodo superiore ad un anno deve presentarsi entro 90 giorni al Consolato competente che provvederà a raccogliere le dichiarazioni del cittadino stesso, compilando il modello Cons 01. Tale modello verrà inviato dal suddetto Consolato al Comune di ultima residenza del connazionale, il quale provvederà all'iscrizione all'Aire. Iscrizione all'Aire Sono un cittadino italiano con residenza in Italia e contratto a tempo indeterminato in Italia e stipendio mensile erogato dall'Italia. Per ragioni di lavoro sono stato distaccato in Francia dal 18 settembre 2006 al 2 settembre 2007. Vorrei chiedere se devo iscrivermi all'aire e se devo pagare le tasse derivanti dal reddito anche in Francia. La normativa anagrafica prescrive l'obbligo di iscrizione all'Aire per tutti coloro che risiedono all'estero per un periodo superiore ai 12 mesi. Nel caso in cui Lei sia sicuro di terminare il suo periodo di residenza all'estero prima della scadenza di 12 mesi non deve iscriversi all'Aire. Dovrà comunque presentarsi al Consolato competente per territorio per essere registrato tra i temporaneamente residenti all'estero. Per quanto riguarda il pagamento delle tasse sul reddito prodotto all'estero ritengo di si, ma Le consiglio di rivolgersi per informazioni più certe all'Agenzia delle Entrate. Aire. Regolarizzazione posizioni di iscritti Per regolarizzare la posizione di iscritti all'A.I.R.E. del nostro Comune quali cittadini italiani nati all'estero, si è proceduto alla richiesta di trasmissione degli atti di nascita da trascrivere nei registri di Stato Civile. La richiesta è stata inoltrata all'Ufficio Consolare nella cui anagrafe l'interessato è iscritto. Per dirimere ogni dubbio ed evitare di coinvolgere uffici diversi da quelli competenti, si chiede se è corretto rivolgersi al Consolato "territorialmente competente" (per l'attuale residenza dell'iscritto A.I.R.E,) o a quello a cui si "ricollega" il comune estero di nascita dell'iscritto? Es. il cittadino XY è nato ad INNSBRUCK e vive in Germania. Il Consolato competente è STOCCARDA: La richiesta di trasmissione dell'atto di nascita va inoltrata a STOCCARDA o all'Ufficio Consolare di INNSBRUCK? La richiesta va inoltrata al consolato competente per territorio e mandata, per conoscenza, anche all'interessato, facendo presente che se la posizione non viene regolarizzata in breve tempo, con la trascrizione dell'atto di nascita, si dovrà provvedere alla cancellazione della stessa. ......