PROJECT FINANCING: IL FINANZIAMENTO PUBBLICO DEVE ESSERE CERTO



(continua a leggere)


CERTIFICAZIONE DELLE ASSENZE PER MALATTIA



































































































N N.         Reg. Sent. Anno N.6531 Reg. Gen. Anno 2006 R E P U B B L I C A   I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO  Sezione Seconda Bis ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n. 6531/2006 proposto da Sagas S.r.l., rappresentata e difesa dagli avv.ti Stefano Ferla e Andrea Manzi presso i quali è elettivamente domiciliata in Roma alla Via Federico Confalonieri n. 5; C O N T R O il Comune di Amatrice, rappresentato e difeso dagli avv.ti Stefano Astori e Angelo De Angelis e presso il primo elettivamente domiciliato in Roma, Via A. Torlonia n. 33, il Comune di Posta ed il Comune di Micigliano, non costituiti in giudizio; per l'annullamento -          dell’avviso indicativo di finanza di progetto del 27 aprile 2006 con cui l’Amministrazione comunale di Amatrice, quale capofila dell’Associazione tra i Comuni di Amatrice, Posta e Micigliano per la gestione della metanizzazione, dava corso per dette opere di metanizzazione dei rispettivi territori a procedura di project financing di cui agli 37 e ss. della legge n. 109 del 1994; -          del successivo avviso datato 19 giugno 2006; -          della deliberazione della Giunta del Comune di Amatrice n. 88 del 17 giugno 2006; -          nonché, per effetto della proposizione del ricorso per motivi aggiunti, dell’ulteriore avviso pubblicato in data 1 novembre 2006, con cui l’Amministrazione comunale riapriva i termini di presentazione delle proposte, modificando ulteriormente l’avviso del 27 aprile 2006; Visto il ricorso ed i relativi allegati; Visto l’atto di costituzione in giudizio del Comune di Amatrice; Viste le memorie prodotte dalle parti a sostegno delle rispettive difese; Visti gli atti tutti della causa; Relatore alla camera di consiglio del 25.1.2007 il consigliere Francesco RICCIO; Uditi, altresì, gli avvocati come riportati nel relativo verbale; Ritenuto in fatto e considerato in diritto quanto segue: F A T T O  E  D I R I T T O Con il ricorso, notificato il 27 giugno 2006 e con i motivi aggiunti notificati il 29.11.2006, la società interessata, qualificata impresa operante nel settore della distribuzione del gas naturale e, pertanto, aspirante promotrice e affidataria delle opere in questione, ha impugnato gli atti meglio specificati in epigrafe perché lesivi del proprio interesse connesso al legittimo svolgimento dell’intera procedura disciplinata dall’art. 37/bis e ss. della legge n. 109 del 1994, prospettando come motivi di impugnazione la violazione di legge e l’eccesso di potere sotto svariati aspetti sintomatici. Si è costituito in......