RILASCIO DI DATI ANAGRAFICI



(continua a leggere)


VIETATI I RECESSI UNILATERALI DA UNA SOCIETA’ MISTA



































































































Cancellazione straniero per trasferimento residenza all' estero Cancellazione straniero per trasferimento residenza all' estero Si è presentato allo sportello dell'anagrafe un cittadino straniero, regolarmente iscritto all'APR, comunicando che ritornava nel Paese d'origine e chiedendo quindi la cancellazione dall'Anagrafe. Come ci si deve comportare? L' art. 11 del Regolamento anagrafico disciplina l' ipotesi della cancellazione anagrafica. Nel caso di specie, a seguito della dichiarazione dello straniero, si dovranno disporre gli accertamenti finalizzati a verificare il trasferimento della residenza all' estero, con conseguente perdita del requisito della dimora abituale. IL DIRIGENTE DELL' AREA ANAGRAFE (Castaldo) Partecipanza agraria-Rilascio elenchi la Partecipanza Agraria di Villa Fontana con sede nel Comune di Medicina (nelle frazioni Villa Fontana, Fiorentina, Fossatone e Sant'antonio), al fine di modificare il proprio statuto per estendere il diritto di attribuzione di lotti di terreno agricolo anche ai residenti maggiorenni di sesso femminile, richiede all'Ufficio Angrafe del Comune di Medicina un elenco delle donne residenti, cittadine italiane, residenti nelle 4 frazioni suddette, con l'indicazione della paternità, al fine di confrontare tale elenco con i nominativi dei "partecipanti" per individuare il collegamento padre figlia. DOMANDA: è legittima tale richiesta? è possibile evaderla? In attesa di cortese riscontro, distinti saluti Comune di Medicina - Ufficiale d'Anagrafe dott. Italo Poggesi L'art. 34 del D.P.R. 30.5.1989, n. 223, consente il rilascio, anche periodico, di elenchi degli iscritti nell'anagrafe della popolazione residente alle amministrazioni pubbliche che ne facciano richiesta per esclusivo uso di pubblica utilità. L' art. 177 del Codice in materia di protezione dei dati personali prevede che "il Comune può utilizzare gli elenchi di cui all' art 34 del DPR 223/89 per uso esclusivo di pubblica utilità anche in caso di applicazione della disciplina in materia di comunicazione istituzionale." La successiva legge n. 63 del 17.3.1993, all'art. 2, estende la possibilità di attivazione dei collegamenti telematici con gli uffici anagrafici comunali a tutti gli organismi che esercitano attività di prelievo contributivo e fiscale o che erogano servizi di pubblica utilità o preposti all'informazione statistica pubblica, con l'osservanza dei princìpi di cui al D.P.C.M. 5.5.1994. In relazione a tanto e da quanto emerge dal quesito, nel caso di specie, occorrerebbe chiarire la natura giuridica del soggetto richiedente, che pare configurarsi come ente morale, e valutare se sussista il requisito della pubblica utilità ovvero se si tratti di una vicenda a carattere patrimoniale-privatistica, nel qual caso l' obiettivo potrà essere raggiunto attraverso procedure alternative (avvisi e manifesti). IL DIRIGENTE DELL' AREA ANAGRAFE (Castaldo)   ......