SOLLECITO DELL'UPI ALLE REGIONI AFFINCHE' COMUNICHINO L'ENTITA' DEI CONTRIBUTI



(continua a leggere)


MANCATO GODIMENTO DI FERIE



































































































  Prot.n.1130                                                                            Roma, 11  settembre 2007                                                                                                                                                                           AGLI ASSESSORI AL BILANCIO                                                                        AI DIRIGENTI SETTORE BILANCIO                                                                        ALLE UNIONI REGIONALI DELLE PROVINCE                                                                          Loro sedi     OGGETTO: Patto di Stabilità 2007: Modalità di conteggio dei trasferimenti regionali ai sensi del comma 682, art. 1, legge n.296/06.                 Egregio Assessore,   come certo saprai, il comma 682 della legge finanziaria 2007 prevede che “ai fini dei saldi utili per il rispetto del patto di stabilità interno i trasferimenti statali sono conteggiati, in termini di competenza e di cassa, nella misura a tale titolo comunicata all’amministrazione statale interessata”; allo stesso tempo la circolare n. 12/07 emanata dalla Ragioneria Generale dello Stato lo scorso 22 febbraio, sottolinea come tali trasferimenti siano convenzionalmente considerati, per cassa e competenza, in misura pari agli importi annualmente comunicati dalle amministrazioni interessate (punto C.2), estendendo tale interpretazione anche ai trasferimenti regionali verso gli enti locali. Quest’ultima considerazione viene peraltro ribadita anche nel decreto che la Ragioneria ha emanato lo scorso 12 luglio, destinato  ad individuare le modalità di monitoraggio del patto di stabilità per le Regioni, laddove si specifica che (punto B.2) “le Regioni hanno la facoltà di applicare i contenuti del comma 682 della legge finanziaria relativamente ai trasferimenti regionali a favore dei propri enti locali”.   Poiché il decreto recante le modalità di monitoraggio del patto di stabilità interno per gli enti locali, è in corso di emanazione, ritengo utile segnalare che la Regione Veneto, con Delibera di Giunta n. 2360 del 31 luglio u.s., ha provveduto ad adottare l’atto formale, così come indicato nella circolare di cui al paragrafo precedente, che consentirà alle Province venete di poter computare i trasferimenti regionali, validi ai fini del patto di stabilità interno, in analogia a quanto previsto per quelli statali di cui al comma 682, con evidenti benefici per il miglioramento dei saldi di cassa.    La delibera citata rappresenta un utile elemento di sollecitazione per tutte le Province affinché si possano concretizzare atti formali anche in altre Regioni, in vista, peraltro, della prossima emanazione del decreto (di cui al comma 686) che dovrà contenere le formalità relative alla comunicazione, a fine anno, dei risultati conseguiti in termini di raggiungimento degli obiettivi previsti.   Certo di aver incontrato il Tuo interesse, Ti invio cordiali saluti.                                                                              IL DIRETTORE GENERALE                                                                              (Piero Antonelli)     ......