TELEFONIA MOBILE: TARIFFA “UTENZA AFFARI” ANCHE PER I COMUNI



(continua a leggere)


CONCESSIONE DI SERVIZI CON RISCHIO GESTIONALE: OCCORRE UNA PROCEDURA A EVIDENZA PUBBLICA



































































































Risoluzione del 04/08/2004 n Risoluzione del 04/08/2004 n. 109  Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa e Contenzioso   Oggetto:Istanza d'interpello-XX  YY  S.p.a.  -  Tassa  di  Concessioni governative perservizio radiomobile  pubblico  terrestre di comunicazione - Aziende SanitarieLocali ed enti che non svolgono attivita' commerciale(Documento in fase di trattamento redazionale.)Testo:Con l'istanza   di   interpello   di   cui  all'oggetto  concernente  l'esattaapplicazione dell'articolo  21,  Tariffa  allegata  al D.P.R. 26 ottobre 1972,n. 641 e' stato esposto il seguente                                                                                                                                                            QUESITO                                                                                                                        La XX   YY  s.p.a, nella persona dell'avv. TIZIO appositamente delegato,ha chiesto   chiarimenti   in   ordine   all'applicazione  delle  tasse  sulleconcessioni governative  per  l'impiego  di  apparecchiature  terminali per ilservizio radiomobile  ai  contratti  stipulati  dalle  A.S.L.  o  da  enti chesvolgono attivita' diversa da quella commerciale.                                   In particolare, ha chiesto:                                                   1)    "quale sia la tariffa applicabile alle Aziende Sanitarie Locali;        2)    quale  siano  criteri  da  utilizzare  per  l'individuazione della         tariffa applicabile  a  enti  diversi  da  quelli svolgenti attivita'         commerciale in   via   prevalente   o  esclusiva  indicati...  (nella         tabella allegata all'istanza);                                             3)    se  ai  fini  della  determinazione  della  tariffa applicabile la         Societa' possa   fare   affidamento  sulle  dichiarazioni  rilasciate         dagli utenti all'atto della sottoscrizione del contratto".                                                                                               SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE                                                                                                       Preliminarmente, l'interpellante   evidenzia  che,  per  determinare  il      corretto ammontare  del  tributo  da addebitare agli utenti di telefonia      mobile sulla  bolletta  di  pagamento,  e'  necessario  che  la societa'      distingua quando    un'utenza    possa   essere   considerata   ad   uso      residenziale e quando ad uso affari.                                        In relazione  al  primo  quesito,  l'interpellante ritiene che la tassa diconcessione governativa prevista per le utenze affari:                           .    sia  applicabile  soltanto quando l'utilizzo della apparecchiature sia      connesso e   strumentale  all'esercizio  dell'attivita'  imprenditoriale      avente scopo  di  lucro.  Conseguentemente,  la  tassa sulle concessioni      governative prevista  per  le utenze residenziali debba essere applicata      qualora l'utilizzo   dell'apparecchiatura   non   risulti  connesso  con      l'attivita' imprenditoriale;                                               .    poiche'    le   Aziende   Sanitarie   Locali   svolgono   un'attivita'      strumentale a  quella  delle  Regioni esse, non devono essere paragonate      agli enti  che  svolgono attivita' imprenditoriale avente scopo di lucro      e devono  di  conseguenza  essere  assoggettate al pagamento della tassa      di concessione   governativa   nella   misura  prevista